Ipertensione arteriosa e malattie cardiache Ipertensione arteriosa e malattie cardiache

Il cioccolato abbassa la pressione

Venerdì, 19 Maggio 2017

Alcuni cibi si mostrano in grado di agire come una sorta di farmaco nel nostro organismo, avendo peraltro il vantaggio di mostrarsi più desiderabili e con meno effetti collaterali. A sottolineare questo aspetto è la SINut, ovvero la Società Italiana di Nutraceutica, che si è riunita a congresso a Milano.

Cesare Sirtori, preside della Facoltà di Farmacia di Milano e presidente della SINut, spiega: “da anni è noto che la popolazione Kuna, al largo della costa di Panama, consuma grandi quantità di cacao e ha mortalità per malattie cardiovascolari nettamente minore in rapporto a quella dei cittadini panamericani. Per questo motivo la European food safety agency (Efsa) sta valutando l'indicazione del cioccolato amaro per affrontare la pressione arteriosa elevata e l'angina pectoris”.

 

 

I ricercatori italiani hanno proposto una possibile dieta basata su una combinazione di prodotti attivi, un mix di molecole nutraceutiche: lovastatina, berberina, policosanoli, acido folico, coenzima Q10 e astaxantina. “Dallo studio randomizzato condotto nel nostro paese su 30 pazienti con sindrome metabolica, suddivisi in due gruppi”, ha spiegato Paolo Magni, docente di Patologia clinica all'università degli studi di Milano, “è emerso che il solo intervento nutraceutico ha determinato una riduzione della colesterolemia totale (-12,8%), del colesterolo Ldl (-21,1%) e un aumento del colesterolo Hdl (+5%) rispetto ai pazienti trattati con placebo”.

Anche uno studio dell’Università australiana di Adelaide sottolinea le qualità del cioccolato nel migliorare la circolazione sanguigna e determinare così indirettamente un abbassamento della pressione.

Il segreto sta nella presenza dei flavonoli, che agiscono appunto aprendo in maniera naturale i vasi sanguigni favorendo una corretta circolazione del sangue. I medici australiani hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista BMC Medicine e sono arrivati alla conclusione che una piccola dose di cioccolato ha un effetto sulla pressione simile a circa trenta minuti di attività fisica.

I soggetti posti sotto controllo durante la sperimentazione hanno mostrato, grazie alla somministrazione di cioccolato, un calo della pressione pari al 5 per cento.

A conclusioni analoghe erano giunti alcuni ricercatori tedeschi. Anche secondo loro, infatti, una piccola percentuale di cioccolata, abbassa la pressione e riduce di conseguenza il rischio di patologie cardiache. È il risultato di uno studio portato avanti dal Centro nazionale di nutrizione umana di Nuthenal, in Germania, pubblicato sulla rivista European Heart Journal.

Si tratta in realtà di quantità modeste, circa un quadratino al giorno, perché, com'è noto, un etto di cioccolata ha più o meno 500 calorie e di conseguenza un consumo elevato potrebbe favorire l'aumento del peso corporeo, trasformando i benefici in svantaggi.

Come conferma Brian Buijsse, uno degli autori della ricerca, “il consumo di piccole quantità di cioccolata può contribuire alla prevenzione di malattie cardiache, ma solo nel caso in cui vada a sostituire alimenti ad alta densità energetica, come gli snack, in modo da mantenere costante il peso corporeo”.

Lo studio ha preso in esame quasi 20.000 persone fra i 35 e i 65 anni scoprendo che un consumo moderato di cioccolata – circa 8 grammi – diminuisce il rischio di ipertensione, oltre a quello di infarto e ictus di circa il 40 per cento: “in termini di rischio assoluto, quindi, possiamo ipotizzare che se gli individui appartenenti al secondo gruppo (di cui 219 su 10.000 hanno avuto un ictus o un infarto) consumassero 6 grammi di cioccolata in più al giorno, si verificherebbero 85 casi di infarto o ictus in meno ogni 10.000 soggetti su un periodo di circa 10 anni. Inoltre, se si estende la percentuale del 39 per cento alla popolazione generale, il numero di infarti e ictus evitabili potrebbe aumentare, in quanto il rischio assoluto della popolazione generale è più alto”, afferma Buijsse.

Sarà indispensabile naturalmente condurre ulteriori ricerche, ma sembra proprio che i flavonoidi contenuti nel cacao svolgano quella funzione positiva sul cuore emersa dalle analisi, stando alle parole dello scienziato tedesco: “sembra che i flavonoidi contenuti nel cacao aumentino la bio-disponibilità di ossido nitrico delle cellule che rivestono la parete interna dei vasi sanguigni, ovvero le cellule endoteliali. L'ossido nitrico è un gas il cui rilascio determina il rilassamento e l'estensione delle cellule che costituiscono il tessuto muscolare liscio dei vasi sanguigni, il che potrebbe contribuire all'abbassamento della pressione. L'ossido nitrico migliora inoltre l'attività delle piastrine, riducendo la viscosità del sangue e l'interazione adesiva tra leucociti ed endotelio vascolare”.

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Informazioni

Copyright © 2013-2016 Associazione okmedicina.it

TEL. 391.318.5657 

Roma

Riproduzione riservata anche parziale

Lavora con noi

Informativa

Informativa ai sensi della legge n. 196/03 sulla tutela dei dati personali, Avvertenze di rischio e Termini e condizioni di utilizzo

I Contenuti a disposizione degli utenti hanno finalit? esclusivamente divulgative, non costituiscono motivo o strumento di autodiagnosi o di automedicazione, raccomandiamo di rivolgersi sempre al medico curante.

Read more aboutwhatsapp download