Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare

No alla dieta vegana per i bambini

Venerdì, 15 Settembre 2017

I pediatri non hanno dubbi, la dieta vegana non è un’opzione praticabile per i bambini. Secondo un dossier preparato dagli esperti della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), nei primi anni di vita i bambini non possono fare a meno di sostanze nutrienti fondamentali che nella dieta vegana scarseggiano.

«Deve passare chiaro un messaggio: la salute di ogni individuo si determina in larga parte nei primi mille giorni di vita, compresi quelli trascorsi nell’utero materno», afferma Vito Leonardo Miniello, docente di nutrizione e dietetica infantile all’università di Bari e vicepresidente della Sipps.

 

 

 

 

 

«Le diete latto-ovo-vegetariane e vegane sono inadeguate al corretto sviluppo del bambino: in chiave neurologica, psicologica e motoria», si legge nel dossier. A mancare sono soprattutto micronutrienti come ferro, zinco, vitamina B12 e acido docosaesanoico.

«La maturazione cerebrale del bambino avviene in larga parte nei primi due anni di vita», prosegue Miniello. «Più le diete sono stringenti in questo periodo, maggiori sono le carenze e i rischi a cui si espongono i figli».

L’alimentazione migliore nei primi anni di vita, e anche dopo, è rappresentata dalla dieta mediterranea, che di per sé è basata sul consumo prevalente di prodotti di origine vegetale.

I numeri dicono che oltre 4 milioni di italiani sono vegetariani o vegani, con una tendenza in aumento.

 

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito