L’inquinamento annulla i benefici dell’esercizio fisico negli anziani

Giovedì, 11 Gennaio 2018

La fatica compiuta per fare un po’ di esercizio fisico verrebbe annullata anche solo da una breve esposizione alle particelle inquinanti. A pagarne lo scotto sarebbero soprattutto i soggetti con più di 60 anni, stando alle conclusioni di uno studio apparso su Lancet.
«Suggeriamo che, quando possibile, gli anziani camminino nei parchi o in altri spazi verdi lontani dalle strade trafficate», afferma l'autore senior dello studio, Kian Fan Chung, dell'Imperial College di Londra.
 
 
 
Lo studio ha coinvolto 119 anziani, fra cui 40 volontari sani, 40 affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) e 39 da cardiopatia ischemica. I volontari sono stati randomizzati a camminare per due ore in Oxford Street a Londra o in una zona senza traffico di Hyde Park.
Dopo qualche settimana, i partecipanti hanno cambiato tipo di passeggiata. Tutti i volontari non fumavano da 12 mesi e assumevano i farmaci in maniera regolare.
I medici hanno analizzato i livelli degli inquinanti atmosferici e i parametri relativi a funzionalità polmonare e risposta cardiovascolare.
Le passeggiate ad Hyde Park hanno determinato un miglioramento della capacità polmonare dei partecipanti sani, con un aumento del 7,5% del FEV1 (Volume Espiratorio Massimo nel I Secondo, un parametro della spirometria) e della rigidità arteriosa. Camminare su Oxford Street ha prodotto solo un lieve aumento transitorio della capacità polmonare e un peggioramento della rigidità arteriosa.
Sui malati di Bpco, invece, gli effetti dell’inquinamento sono stati peggiori, producendo un aggravamento dei sintomi della malattia. Nei soggetti affetti da cardiopatia ischemica, l’inquinamento ha nuociuto soprattutto se non venivano assunti i farmaci cardiovascolari.
«Sebbene siano necessari ulteriori studi sugli effetti sulla salute di tutti i singoli individui e sulle fonti di polveri sottili, i risultati di questo e di altri recenti studi urbani indicano già che i responsabili politici e gli operatori sanitari dovrebbero darsi da fare per ottenere una riduzione delle esposizioni del pubblico al gasolio e determinano un'alta priorità nel controllo dell'inquinamento», affermano in un editoriale di commento George Thurston e Jonathan Newman della New York University School of Medicine.

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato
Affittare ville di lusso a Capalbio
Un villa con vasca idromassaggio in bagno e nella camera da letto una mini piscina con color terapia in affitto.

Tour del sito