“A causa delle mestruazioni dolorose le donne perdono circa un giorno al mese di lavoro” secondo una ricerca internazionale condotta in 10 Paesi

Venerdì, 10 Aprile 2015

Durante la tavola rotonda sul “dolore femminile” organizzata da Sipgo ed Effik è stato affrontato dagli specialisti il tema del dolore pelvico femminile e come poterlo gestire in maniera efficace con la contraccezione ormonale estro-progestinica

Uno studio condotto su circa 1500 donne, in 10 Paesi, tra cui l’Italia, ha dimostrato che il dolore pelvico comporta una perdita di produttività lavorativa di circa 10 ore nella settimana delle mestruazioni, soprattutto nelle donne con una diagnosi di endometriosi, una patologia capace di interferire profondamente non soltanto con la fertilità futura della donna, ma soprattutto con la sua qualità di vita. E’ quanto è emerso dalla tavola rotonda “Donne che soffrono troppo: la gestione del dolore nella vita femminile” organizzato a Milano dalla Sipgo, Società Italiana per la Psicosomatica in Ginecologia e Ostetricia.

Il dolore mestruale, presente in circa la metà delle donne in età fertile, soprattutto in giovane età e in presenza di flussi mestruali abbondanti, comporta una riduzione delle performance scolastiche e lavorative per 3 donne su 10. Anche la sindrome premestruale, caratterizzata da un insieme di sintomi che si ripresentano periodicamente ogni mese prima delle mestruazioni, può associarsi al dolore mestruale e compromettere in circa il 35% dei casi le attività lavorative, sociali e di relazione, secondo uno studio condotto su più di 4.000 donne in otto paesi del mondo tra cui l’Italia.


Autore

Debora3

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito