cover photo

Dietologia - Per appuntamenti 392 417.2452

Iscriviti al Gruppo

Gli obiettivi della Dietologia e della Nutrizione Clinica sono quelli di  prevenire, diagnosticare e trattare i problemi di salute legati all'alimentazione, garantendo ad  ogni paziente un intervento nutrizionale efficace sulla base delle più attuali evidenze scientifiche.

In questo gruppo parliamo dei problemi riguardanti la Dietologia e la Nutrizione Clinica. Qui potrai inserire le tue domande,
chiarire i tuoi dubbi, leggere gli articoli degli specialisti, contattare i medici, segnalare le strutture sanitarie specializzate, commentare i messaggi degli utenti, mettere 'mi piace', raccontare la tua esperienza personale e scambiare informazioni con persone che condividono la tua stessa malattia.

Categoria
Dietologia e Nutrizione Clinica
Creato
Venerdì, 19 Ottobre 2012
Amministratori Gruppo
Isabel Zolli, dott.ssa Ranucci (Dietologia 3920133975), Antonella, Dott. Vittorio Catalano (psicologo clinico) , Dario Di Pietro
Visualizza tutti gli articoli Visualizzando 100 di 118 Articoli
  • leti
    OMEGA 3 NEL CARPACCIO DI SALMONE
    Iniziata da leti Domenica, 29 Gennaio 2017 1 Risposta

    Gli omega 3 sono dei grassi particolarmente delicati e si alterano facilmente al calore. L'affumicatura prevede l'uso del calore e quindi è possibile che, se le temperature superano i 100°C , gli omega 3 vengano alterati.

    Ultima risposta di Dott.ssa Angela ASTONE (Nutrizionista) il Lunedì, 03 Aprile 2017
  • parodi
    SCONGELARE CARNE E PESCE
    Iniziata da parodi Domenica, 22 Gennaio 2017 1 Risposta

    Buongiorno
    la carne e il pesce congelati non subiscono alterazioni nella composizione, piuttosto il congelamento è il metodo migliore per conservare dei cibi crudi senza aggiungere additivi. L'unica variazione che può subire è il gusto, infatti, la carne ed il opesce decongelati non hanno un gusto sovrapponibile al prodotto fresco. Il congelamento ha l'inconveniente di dover rispettare la catena del freddo, ossia di non portare il prodotto sopra i -18°C altrimenti può subire delle contaminazioni batteriche. Se si possiede un abbattitore che raggiunge i - 21°C è ancora migliore il congelamento dell'alimento.
    Quando si deve consumare il prodotto sarebbe consigliabile decongelarlo ma bisognerebbe, invece, cuocerlo da congelato. Se la ricetta, invece, prevede che il prodotto venga decongelato è consigliabile decongelarlo in frigorifero dove la temperatura è -3/-4 °C; quindi è consigliabile riporlo in frigorifero per tutta la notte in modo che il giorno seguente possa essere utilizzato.
    Spero di essere stata chiara nella descrizione .

    Ultima risposta di Dott.ssa Angela ASTONE (Nutrizionista) il Martedì, 07 Febbraio 2017
  • leti
    dieta antiage
    Iniziata da leti Domenica, 29 Gennaio 2017 3 risposte

    grazie mille per aver risposto

    Ultima risposta di leti il Martedì, 31 Gennaio 2017
  • pagosto
    frutta secca nella dieta
    Iniziata da pagosto Giovedì, 20 Ottobre 2016 1 Risposta

    Salve. ..la frutta secca è un ottimo alimento. ..ricca di sostanze nutrienti. ..antiossidanti e omega 3....le consiglierei di alternare fra mandorle, noci,nocciole e pistacchi. ...buona serata

    Ultima risposta di Dott.ssa Camodeca Maria Carla (Patologo Clinico) il Giovedì, 20 Ottobre 2016
  • paola
    pancia gonfia
    Iniziata da paola Venerdì, 25 Aprile 2014 2 risposte

    Deve prima fare degli accertamenti per verificare lo stato di salute intestinale e poi seguire un regime alimentare adeguato al problema.

    Ultima risposta di Dott.ssa Angela ASTONE (Nutrizionista) il Lunedì, 27 Giugno 2016
  • lucaluigi72
    Esofagite da reflusso
    Iniziata da lucaluigi72 Mercoledì, 02 Settembre 2015 1 Risposta

    Salve,
    l'esofagite da reflusso prevede una dieta poco grassa, senza spezie piccanti, povera in fibre grossolane e povera in liquidi di qualunque origine durante il pasto. Ora mi spiego meglio! La dieta poco grassa è quella che ha inteso lei. Senza spezie piccanti vuol dire senza pepe,peperoncino, paprika, zenzero, ecc. Povera in fibre grossolane significa che bisogna evitare i cibi integrali, i tegumenti dei legumi vanno eliminati con il passa verdure, le verdure troppo coriacee o i gambi delle foglie verdi vanno eliminati o passati al passa verdure. Una dieta povera di liquidi durante il pasto significa che mentre si mangia si deve bere poco o niente e che bisogna evitare brodaglie di ogni tipo; mentre si può consumare acqua e tisane senza caffeina quando si è a digiuno. Inoltre bisogna evitare l'abuso di tè, caffè e cioccolato; bisogna evitare gli alcolici anche quelli a bassa gradazione.

    Ultima risposta di Dott.ssa Angela ASTONE (Nutrizionista) il Domenica, 22 Maggio 2016
  • mira
    dieta dopo ictus
    Iniziata da mira Lunedì, 12 Ottobre 2015 1 Risposta

    Gentilissima,
    Vista la breve storia clinica di suo padre (recente ictus e tendenza a ingrassare) è bene iniziare dai potenziali fattori di rischio concausa o conseguenza della situazione attuale o eventualmente di possibile futura insorgenza, in particolare ipertensione arteriosa, dislipidemia, intolleranza glucidica. La dieta in generale e in questo caso in particolare è un punto fondamentale su cui insistere considerando che la correzione dei fattori di rischio è la base della lotta alle patologie cardiovascolari (tra cui è contemplato anche l'ictus) ed è importante che venga gestita da uno specialista del settore. In breve possiamo dirle che sicuramente suo padre è bene che segua una dieta iposodica (basso contenuto di sodio) e ipolipidica (basso contenuto di grassi). Per maggiori dettagli è necessario avere ulteriori informazioni riguardo l'anamnesi, patologie associate e terapia medica assunta. Idem per stabilire quale sia la quota di calo ponderale adatta alla sua situazione. In merito a tutto questo Amicomed offre una serie di opportunità a riguardo in primis appunto iniziando dal controllo dei fattori di rischio quindi offrendo la possibilità di inserire i dati dei valori pressori e avendo per ogni singolo valore un giudizio sia della misura spot che dell'andamento pressorio in toto. In merito alla dieta e all'attività fisica vi è la possibilità di avere dei programmi personalizzati atti al miglioramento dello stato di salute generale e mirato alla prevenzione degli eventi cardiovascolari in particolare.
    Il tutto dovrebbe iniziare dal desiderio di suo padre a migliorare il suo stato di salute, questo è il primum movens che permetterà possibile l'assunzione di uno stile di vita corretto e di una alimentazione sana.
    Siamo a disposizione per ulteriori informazioni

    Ultima risposta di Amicomed il Venerdì, 16 Ottobre 2015
  • lucaluigi72
    Artrosi: farmaci e integratori
    Iniziata da lucaluigi72 Martedì, 17 Marzo 2015 2 risposte

    Con il farmaco sono stati fatti studi per cui si sa che con quella sostanza, in quella forma molecolare, in quella concentrazione, con quegli eccipienti, etc. si ottiene quel risultato. Con gli integratori, in cui ad esempio la sostanza è associata ad altre, non sono stati fatti studi adatti a vedere se si ottiene quello specifico risultato, quindi nessuno può dire nulla a priori (sempre relativamente ad un determinato uso clinico).

    Ultima risposta di Prof. Dott. Zelano il Lunedì, 30 Marzo 2015
  • Enza
    Edulcorante, consiglio?
    Iniziata da Enza Mercoledì, 25 Marzo 2015 12 risposte

    Su internet si trovano i marchi che commerciano l'eritritolo...

    Ultima risposta di Serena Polverini il Domenica, 29 Marzo 2015
  • lucaluigi72
    Dieta in caso di artrosi
    Iniziata da lucaluigi72 Lunedì, 16 Marzo 2015 3 risposte

    Ovviamente dalle analisi del sangue... Per la cartilagine animale, ti raccomando solo di non esagerare con dosi e frequenza di consumo, ma di variare e ruotare tutti gli alimenti (vegetali ed animali) nella tua dieta, cercando di privilegiare le fonti vegetali, fresche e di stagione e laddove possibile, preferire alimenti vegetali crudi (frutta, verdura, ortaggi, semi oleosi e frutta secca al naturale, quindi non tostati!!)... Buona serata!

    Ultima risposta di Dott. Roberta Madonna Nutrizionista e Biochimico Clinico il Lunedì, 16 Marzo 2015
Visualizza tutte le domande Visualizzando 10 di 47 domande

Informazioni

Copyright © 2013-2016 Associazione okmedicina.it

TEL. 391.318.5657 

Roma

Riproduzione riservata anche parziale

Lavora con noi

Informativa

Informativa ai sensi della legge n. 196/03 sulla tutela dei dati personali, Avvertenze di rischio e Termini e condizioni di utilizzo

I Contenuti a disposizione degli utenti hanno finalit? esclusivamente divulgative, non costituiscono motivo o strumento di autodiagnosi o di automedicazione, raccomandiamo di rivolgersi sempre al medico curante.

Read more aboutwhatsapp download