Libri... in salute's Members

  • Antonella

    Antonella

    BUON POMERIGGIO A TUTTO IL GRUPPO

  • Astrid2014

    Astrid2014

    Il tumore al polmone non a piccole cellule è la terza neoplasia per incidenza a livello nazionale.
    Oggi nella lotta al tumore al polmone abbiamo un’arma in più e consente una lunga sopravvivenza: immunoterapia e la target therapy, che aggrediscono soltanto le cellule tumorali
    Con i nuovi farmaci e le nuove terapie, per gli ammalati di cancro al polmone si presentano ''ricette alternative'' alla chemioterapia.

  • berto

    berto

    Sito in cui porre domande o avere info sulla medicina in generale e sulla scuola di medicina di padova chiediloaunostudentedimedicina.wordpress.com/

  • Debora3

    Debora3

    "Il sasso. La persona distratta vi è inciampata. Quella violenta, l'ha usato come arma. L'imprenditore l'ha usato per costruire. Il contadino stanco invece come sedia. Per i bambini è un giocattolo. Davide uccide Golia e Michelangelo ne fece la più bella scultura.

    In ogni caso, la differenza non l'ha fatta il sasso, ma l'uomo.

    Non esiste sasso nel tuo cammino che tu non possa sfruttare per la tua propria crescita"

  • Dott. Febo Artabano  ( Dietologo Nutrizionista, Psicologo Psicoterapeuta, Sessuologo, Ipnologo )

    Dott. Febo Artabano ( Dietologo Nutrizionista, Psicologo Psicoterapeuta, Sessuologo, Ipnologo )

    La mia missione consiste nel facilitare ai miei Pazienti l'ambita e utopistica FELICITA intesa nel perseguire i propri SOGNI in piena LIBERTA e in pace con la propria COSCIENZA.

  • dott. Matteo Simone psicologo (Roma)

    dott. Matteo Simone psicologo (Roma)

    Contatti: 21163@tiscali.it 3804337230 www.psicologiadellosport.net

    Psicologo clinico e di comunità, psicoterapia della Gestalt, terapeuta E.M.D.R. (Eye Movement Desensitization and Reprocessing).
    Master Interuniversitario di Psicologia dello sport - Università degli Studi di Roma “Foro Italico”.
    Master in Ipnosi Ericksoniana - Scuola Italiana di Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana.
    Corso di Meditazione Vipassana come insegnata da S.N. Goenka nella tradizione di Sayagyi U Ba Khin presso il Centro di Meditazione Vipassana Dhamma Atala Europa di Marradi.
    Psicologo dell’emergenza del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta e dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.
    Corso SAT 1” e “SAT 2” sulla Psicologia degli Enneatipi mirato al processo di auto-conoscenza personale condotto e coordinato dal Dr Claudio Naranjo.
    Specializzato in disturbo post traumatico da stress, dipendenze, promozione del benessere psico-fisico emotivo e relazionale, potenziamento delle risorse di autoefficacia e competenza.
    Svolgo attività di supporto psicologico con pazienti affetti da gravi patologie, con le vittime di eventi traumatici e loro familiari.
    Sport praticati: podismo, capoeira, ultramaratone.
    Articolista ed autore dei libri:
    Doping Il cancro dello sport, Edizioni Ferrari Sinibaldi, Milano, 2014
    O.R.A. Obiettivi, Risorse, Autoefficacia. Modello di intervento per raggiungere obiettivi nella vita e nello sport, Edizioni ARAS, Fano, 2013.
    “Psicologia dello sport e dell’esercizio fisico. Dal benessere alla prestazione ottimale”, Sogno Edizioni, 2013.
    "Psicologia dello sport e non solo", Aracne editrice, Roma, 2011.
    www.ibs.it/libri/simone+matteo/…

  • Dott.ssa Martina Iafolla Psicologa Clinica

    Dott.ssa Martina Iafolla Psicologa Clinica

    Psicoterapeuta in formazione Cognitivo-Comportamentale Terapeuta EMDR- Primo Livello. Richiedi il tuo primo COLLOQUIO GRATUITO! Contatti: martina.iafolla@gmail.com

  • Fabio Pasca

    Fabio Pasca

    Omicidio d'amore

    Troppo spesso le pagine di cronaca nera assumono i colori dell’uxoricidio.

    All’origine, possiamo ritrovare la perdita dell’oggetto amato. Tale rifiuto se vissuto come una sconfitta può far emergere vissuti frustranti di tipo fallimentare tali da innescare meccanismi di riconquista di tipo aggressivo.
    La persona che si percepisce tradita, abbandonata, sfruttata, vilipesa, ed anche semplicemente non più corrisposta in una reciproca implicazione affettiva, può denunciare il suo malessere in modo violento. Così l’amore iniziale si trasforma in un successivo odio punitivo che in casi estremi può evolvere e sfociare nell’atto punitivo stesso e manifestarsi attraverso le percosse, le lesioni personali giungendo financo all’omicidio.
    L’aggressione dell’altro ha il significato di rivolta, affermazione personale e soprattutto quello di effettuare un’opera di restituzione di tutte le frustrazioni, del dolore, della vergogna, dell’ansietà ed dei timori che il sentirsi abbandonato e quindi rifiutato comporta.
    In alcuni casi la violenza agita può avere lo scopo di risolvere e tenere sotto controllo una situazione reale fortemente ansiogena e rimarcare la propria affermazione personale. L’azione violenta rappresenta una conquista di prestigio, un riconoscimento delle proprie capacità, una manifestazione di seduzione e controllo sulla persona rifiutante. La persona può utilizzare la violenza per ricattare,estorcere e controllare i comportamenti dell’altro a proprio favore.
    Si può assistere così ad un crescendo di tensione emotiva, che inevitabilmente determina rabbia e risentimento gravi, o induce il paziente a porre in atto gesti aggressivi o condotte di tipo omicidio-suicidio.
    dr.ssa Anna Carderi

  • raffica

    raffica

    Amministratori Gruppo

    ho letto delle parole davvero commoventi: "Ci sono donne che consegnano il loro cuore a un uomo… per poi non farselo ridare più. L'amore delle donne certe volte è un dare, e dare, e dare senza preoccuparsi di ricevere. Ma dare senza considerare anche se stesse meritevoli d'amore è un grande sbaglio. Prosciuga se stesse. "

  • Riccardo Antinori

    Riccardo Antinori

    Chikungunya nel Lazio
    Sono 252 i casi autoctoni di Chikungunya registrati dal Sistema di sorveglianza delle malattie Infettive. Di questi 197 casi sono residenti o riportano un soggiorno ad Anzio. Dei restanti 55 casi, 50 sono residenti a Roma e 5 a Latina. Le segnalazioni dei casi sospetti hanno registrato una diminuzione dalla prima decade di ottobre con il calo dell’invio delle provette all’ Istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma. Speriamo nel freddo perché il comune non ha fatto le disinfestazioni necessarie.

  • Sperelli

    Sperelli

    Amministratori Gruppo

    Cerchiamo collaboratori per il portale okmedicina.it. Chiamare in redazione al
    392 417.24.52

  • studiodiessecom

    studiodiessecom

    Comunicato stampa Giovedì 15 aprile 2014

    A Torino dal 18 al 20 Maggio l’attività di assistenza sanitaria della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria (SIMSPe) per la tutela delle condizioni di salute dei detenuti italiani
    Salute a rischio nelle carceri italiane
    Gli specialisti SIMSPe: E’ necessario migliorare l’assistenza alle persone detenute mediante un approccio nazionale integrato
    Dal Congresso di Torino del 18-20 maggio l’invito ad omogeneizzare il sistema. Le leggi attuali delegano il sistema sanitario alle ASL locali, generando così sistemi organizzativi disomogenei nei 205 Istituti Penitenziari Italiani; il Congresso dovrà sensibilizzare proprio su questo, rilevando come si tratti di un problema comune. Le ASL, inoltre, non hanno né i mezzi, né il know how necessario per operare nei luoghi di restrizione della libertà. In epoca di spending review, con la sanità pubblica che subisce grossi tagli, le carceri appaiono come vittime predestinate ad appartenere ad un sistema sanitario di serie B se non di serie C. Serve dunque una cabina di regia nazionale e non una frammentazione delle organizzazioni. L’appuntamento di Torino è quindi un momento importante per portare avanti le iniziative sull’assistenza sanitaria nelle carceri. Il prossimo 28 maggio, inoltre, è un anno dalla sentenza Torregiani, un richiamo della Corte Europea all’Italia per allinearsi a livelli comunitari. Alcuni risultati sono stati raggiunti: il sovraffollamento è sceso dal 50% al 20%, ma l’Europa vuole vedere riforme strutturali. Il passaggio della Sanità Penitenziaria dal Ministero della Giustizia al Sistema Sanitario Regionale è un evento epocale che ha comportato un enorme cambiamento nell'assistenza ai pazienti detenuti, purtroppo non sempre e non da tutti recepito.

    XV CONGRESSO NAZIONALE SIMSPe 2014
    L’Agorà Penitenziaria
    "Dalla teoria alla pratica: protocolli operativi in ambito penitenziario"
    Starhotels Majestic - 18 - 20 Maggio 2014
    Direttori Scientifici: Dott. Guido Leo - Prof. Sergio Babudieri (Pres. SIMSPe)
    Il XIV Congresso Nazionale vuole sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica fornendo nozioni di base, a medici non specialisti ed infermieri, sulle principali patologie carcerarie, con i Corsi Precongressuali, sia sviluppando temi di comune interesse, sia per il personale medico ed infermieristico, con le sessioni congressuali congiunte, sia per il personale della Polizia Penitenziaria, nelle sessioni dedicate alla documentazione clinica, alle responsabilità professionali, alla prevenzione del suicidio. Lo sforzo volto a fornire alla popolazione detenuta la migliore assistenza possibile, in coerenza con quanto offerto al cittadino “non detenuto” passa dalla conoscenza delle principali problematiche di salute, all'intesa con gli operatori penitenziari, all'integrazione con la società civile.
    In un’epoca caratterizzata da carenza di fondi e da frammentazione dei sistemi sanitari delle varie Regioni, che rende difficile ricreare modelli omogenei di assistenza, quale quello precedentemente garantito dal Ministero della Giustizia, quando unico erogatore del servizio. L'epilogo, lancio per il congresso del 2015, vedrà la costituzione di piccoli gruppi di lavoro, interprofessionali che, formati e stimolati dagli argomenti affrontati, vorranno lavorare nell'ottica dell'omogeneizzazione dell'offerta assistenziale nelle carceri italiane.
    La SIMSPe, da sempre impegnata come società scientifica, ma anche operativa, si sente investita da questo gravoso compito, che deve passare anche dalla progettazione di comuni linee operative da sperimentare e proporre nelle varie realtà penitenziarie italiane.

  • Super User

    Super User

    Benvenuti nel social della salute! Potete fare tutte le attività che desiderate ed ottenre supporto da me. Contattatemi!

Informazioni

Copyright © 2013-2016 Associazione okmedicina.it

TEL. 391.318.5657 

Roma

Riproduzione riservata anche parziale

Lavora con noi

Informativa

Informativa ai sensi della legge n. 196/03 sulla tutela dei dati personali, Avvertenze di rischio e Termini e condizioni di utilizzo

I Contenuti a disposizione degli utenti hanno finalit? esclusivamente divulgative, non costituiscono motivo o strumento di autodiagnosi o di automedicazione, raccomandiamo di rivolgersi sempre al medico curante.

Read more aboutwhatsapp download