Visita cardiologica

Giovedì, 10 Marzo 2022

La visita cardiologica ha lo scopo di individuare e trattare eventuali malattie a carico del cuore.  Il cardiologo durante la visita valuta la presenza o meno di sintomi che interessano la zona toracica e potrebbero ricondurre a patologie cardiovascolari; prescrive gli esami necessari e suggerisce le terapie opportune. 

Presso in nostro studio sarà la dottoressa Oriana Sergnese, medico ospedaliero, ad effettuarla. Il costo per Okmedicina è di soli 25 euro.

Telefonare al  351.666.0911 o lasciare una messaggio tramite Whatsapp.

E' necessario sottoporsi ad una visita se si hanno i seguenti sintomi

  • Dolore al petto
  • Astenia (stanchezza immotivata)
  • Palpitazioni
  • Respiro affannoso
  • Gonfiore agli arti inferiori
  • Capogiri o svenimenti

Questi sintomi possono essere causati da:

  • Insufficienza cardiaca
  • Aritmie
  • Cardiomegalia (cuore ingrossato)
  • Valvulopatia (disfuzione delle valvole cardiache)
  • Endocardite
  • Infarto del miocardio
  • Pericardite
  • Trombosi venosa profonda
  • Ictus

La visita si svolge prima con la raccolta delle informazioni.  Inizialmente si informa sul motivo della visita e sul tipo di sintomi accusati dal paziente: 

  • Quali sono i sintomi del problema 
  • Quando sono iniziati , se sono ricorrenti o è la prima volta che si manifestano 
  • Se prova dolore, affanno o palpitazioni 
  • Se avuto sincopi (svenimenti) o vertigini 

Dopo aver raccolto le informazioni sui sintomi, il cardiologo ricostruisce la storia clinica del paziente, con ulteriori domande, che riguardano: 

  • Abitudini 
  • Stile di vita 
  • Tipo di lavoro 
  • Interventi chirurgici 
  • Malattie in famiglia di tipo cardiovascolare 
  • Cure farmacologiche in corso o recenti 
  • Eventuali altre abitudini, compreso il vizio del fumo 

Si raccomanda di portare con sé tutti i referti di visite precedenti, esami diagnostici e analisi, perché lo specialista possa avere a disposizione tutte le informazioni possibili. 

Esame obiettivo

A questo punto il cardiologo esegue un esame obiettivo: controlla e ausculta il cuore con il fonendoscopio e misura la pressione arteriosa del paziente.
Verifica eventuali gonfiori agli arti inferiori (edemi ai piedi e caviglie), la temperatura, il peso corporeo.

Poi viene effettuato un elettrocardiogramma (ECG), un test funzionale non invasivo che, tramite l’applicazione di elettrodi, permette la rilevazione dell’attività cardiaca.
L’elettrocardiogramma a riposo permette di misurare il ritmo del cuore e l’eventuale aumento della dimensione delle camere cardiache, può essere utile per individuare eventuali aritmie. cilità nell’ambulatorio.

Se necessario vengono prescritti farmaci, come antiaritmici in prevenzione di aritmie, anti-ipertensivi per il controllo della pressione, diuretici per il controllo della diuresi e quindi della pressione arteriosa, anticoagulanti per protesi valvolari o aritmie, come la fibrillazione atriale, antitrombotici per la prevenzione delle trombosi arteriose o venose

 

 

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea