Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare

Tre tazze di tè per vivere più a lungo

Lunedì, 13 Gennaio 2020

Basterebbe bere tre tazze di tè alla settimana per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e la mortalità per ogni causa. Lo dice uno studio pubblicato su European Journal of Preventive Cardiology da un team dell'Accademia cinese di scienze mediche di Beijing.


Xinyan Wang, primo autore dello studio, spiega: “Il consumo abituale di tè è associato a una diminuzione delle malattie cardiovascolari e della mortalità per tutte le cause. Gli effetti benefici per la salute sono maggiori per il tè verde e per chi è un bevitore abituale di questa bevanda da lungo tempo”.
Allo studio hanno partecipato quasi 11mila soggetti senza esperienze precedenti di infarto, ictus o cancro, suddivisi in due gruppi: bevitori abituali di tè e altri che non lo bevevano o che lo facevano meno di 3 volte alla settimana, tutti seguiti per oltre 7 anni.
I dati dimostrano che i cinquantenni bevitori di tè sviluppano malattie delle coronarie e infarto quasi due anni dopo e vivono 1,26 anni in più rispetto a chi beve raramente o mai questa bevanda. Inoltre i consumatori abituali di tè hanno un rischio inferiore del 20% di sviluppare malattie cardiache e ictus, del 22% di un attacco di cuore fatale e del 15% di mortalità per tutte le cause.
A distanza di 5 anni, è stato analizzato un sottogruppo di 14mila persone. In questo caso, è stato osservato che il mantenere l’abitudine di bere tè in entrambi gli studi ha prodotto un rischio inferiore del 39% di avere un malore dovuto a malattia cardiaca e ictus, del 56% di un attacco fatale di cuore e del 29% di mortalità per tutte le cause.
Il motivo di questo beneficio è da ricercarsi nella concentrazione di polifenoli presente nel tè. Tuttavia, i polifenoli non vengono immagazzinati dall'organismo e il loro beneficio è quindi evidente solo nei consumatori abituali.
“Questo significa – concludono gli autori - che per avere un effetto cardioprotettivo è necessario un’assunzione prolungata nel tempo di tè”.
L'analisi ha anche mostrato che il tè migliore per effetto protettivo è quello verde.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea