Le mandorle aiutano la pelle

Giovedì, 15 Aprile 2021

Evitare l'esposizione prolungata, indossare indumenti protettivi e usare creme solari sono tutte strategie chiave per proteggersi dal fotodanneggiamento, ovvero i danni causati dall’esposizione della pelle al sole. La ricerca scientifica suggerisce però che la dieta può svolgere un ruolo di supporto.

 

Un nuovo promettente studio pubblicato sul Journal of Cosmetic Dermatology e finanziato dall'Almond Board of California fornisce la prima prova clinica che il consumo di mandorle può aiutare a sostenere la resistenza della pelle alla luce UVB.
I ricercatori dell'Università della California, Los Angeles (UCLA) hanno indagato per comprendere se l'assunzione giornaliera di mandorle possa aumentare la resistenza alla luce UVB (la principale fonte di danni alla pelle da esposizione al sole) e migliorare la struttura della pelle. Le partecipanti allo studio erano giovani donne che si auto-identificavano come asiatiche, di età compresa tra 18 e 45 anni, con tipi di pelle che andavano da "si scotta e non si abbronza facilmente" a "si scotta poco e si abbronza facilmente", tecnicamente classificati come pelle Fitzpatrick tipo II, III o IV. Le donne sono state assegnate in modo casuale a 2 gruppi: il primo ha consumato 42 grammi di mandorle (246 calorie) al giorno, il secondo 51 grammi di salatini (200 calorie), entrambi per 12 settimane. I dati delle 29 partecipanti sono stati analizzati al completamento dello studio.
La resistenza ai raggi UVB è stata misurata quantificando la dose minima di eritema (MED) per ciascun partecipante all'inizio e alla fine dello studio. MED è la dose minima di luce UVB necessaria per causare un leggero arrossamento della pelle o eritema in un sito specifico della pelle. In questo caso è stata scelta la pelle dell'interno del braccio, perché poco esposta al sole. L'eritema è la prima indicazione di fotodanneggiamento della pelle, quindi un aumento del MED indica una migliore protezione contro (o resistenza) al fotodanneggiamento da UVB.
All'inizio dello studio, non c'erano differenze nel MED tra i gruppi. Dopo le 12 settimane, c'è stato un incremento sia del MED (20% circa) sia del tempo di esposizione per raggiungere l'eritema minimo per le donne nel gruppo delle mandorle rispetto al gruppo dei salatini. Non sono state osservate variazioni statisticamente significative nel MED o nel tempo di esposizione nel gruppo dei salatini.
“Il nostro team è interessato a comprendere se determinati alimenti possono aiutare a mantenere la pelle sana e rafforzarne le difese naturali dall'interno. Questo studio consolida le prove che le scelte alimentari possono avere un impatto significativo sulla salute della pelle", ha detto il coordinatore della ricerca, il dottor Zhaoping Li, MD, PhD, Professore di Medicina e Capo della Divisione di Nutrizione Clinica, Università della California, Los Angeles. “Lo studio, in particolare, ha mostrato che uno spuntino quotidiano di mandorle (42 grammi) per 12 settimane ha migliorato il MED - una misura della resistenza ai raggi UVB - nelle giovani donne asiatiche di circa il 20%. I risultati suggeriscono che includere le mandorle nella dieta può aiutare a sostenere le difese interne della pelle contro i raggi UVB".
Aspetti secondari esaminati nello studio includono misure di struttura della pelle, sebo e idratazione, che sono state valutate dai dermatologi. Non sono state osservate differenze significative in queste misure nel tempo o tra i gruppi.
Tra i limiti dello studio, una popolazione più piccola del previsto a causa dell'esclusione di quelle partecipanti che sono risultati resistenti ai raggi UVB alla dose e al tempo di esposizione selezionati.
Lo studio non ha esaminato l'effetto dell'esposizione alla luce solare in generale né l'esposizione ai raggi UVA; i risultati sono limitati alla protezione contro le radiazioni UVB. Lo studio ha anche esaminato una popolazione giovane. Sono necessarie ulteriori ricerche per analizzare gli effetti del consumo di mandorle su soggetti anziani con pelle fotoinvecchiata da moderata a grave e per altri tipi di pelle/etnie.
Questo studio si aggiunge ad altre ricerche sul potenziale ruolo delle mandorle nella salute della pelle. Uno recentissimo studio, condotto da ricercatori dell'Università della California, Davis, ha evidenziato che mangiare quotidianamente mandorle al posto di tipici snack di uguale contenuto calorico ha migliorato le misure sia della gravità delle rughe che della pigmentazione della pelle nelle donne in post menopausa. Lo studio, finanziato dall'Almond Board of California, conferma e amplia i risultati di uno studio pilota del 2019.
Le mandorle forniscono fibre (12,5 / 3,5 g per 100 g / per porzione da 30 g) e 15 nutrienti essenziali tra cui (per 100 g / per porzione da 30 g): magnesio (270/81 mg), potassio (733/220 mg) e vitamina E (25,6 / 7,7 mg).

Lo studio

 

Questo studio aveva lo scopo di comprendere se il consumo di mandorle possa aumentare la resistenza alla luce UVB e ridurre l'invecchiamento della pelle in donne giovani e sane che si auto-identificano come asiatiche. Le partecipanti (n = 29, età 18-45 anni), donne con tipi di pelle Fitzpatrick II, III o IV, hanno consumato ogni giorno per 12 settimane uno spuntino di mandorle (42 grammi, 246 calorie) o di salatini (51 grammi, 200 calorie).
All'inizio dello studio sono stati valutati peso, altezza, tipo di pelle e caratteristiche della pelle dei partecipanti, inclusi melanina (pigmento), idratazione, sebo, eritema (arrossamento) e l’Allergan Skin Roughness Scale del viso (una scala numerica per valutare la rugosità pelle prima e dopo i trattamenti estetici). Questi indicatori sono stati misurati di nuovo a 4, 8 e 12 settimane.
L'outcome primario misurato in questo studio è stata la quantificazione della dose minima di eritema (MED) di luce UVB per la pelle interna del braccio. Gli esiti secondari misurati sono stati melanina, idratazione, sebo, eritema e rugosità di Allergan nella pelle del viso. I ricercatori hanno stabilito la dose minima di UVB che ha indotto eritema in uno studio precedente. I risultati di MED per l'interno del braccio sono una misura convalidata della salute generale della pelle; l'interno del braccio viene utilizzato perché in genere non è esposto al sole, quindi è possibile misurare i cambiamenti nel danno fotografico.
All'interno del gruppo mandorle, c'erano più partecipanti con Fitzpatrick tipo di pelle IV, ma la differenza non era statisticamente significativa. La dose e la tempistica dell'esposizione ai raggi UVB sono state adattate al tipo di pelle.

Risultati

Per il gruppo mandorle, c'è stato un aumento significativo del MED e del tempo di esposizione necessario per indurre l'eritema alla visita finale (12 settimane) rispetto all'inizio dell'intervento (basale) (p = .006). Inoltre, l'aumento di MED nel gruppo mandorle era statisticamente diverso rispetto al gruppo salatini.
Per le donne che hanno consumato mandorle, c'è stato un aumento del MED da 415 ± 64 a 487 ± 59 (18,7 ± 19,2%, p + 0,006) dal basale alla settimana 12 rispetto alle donne nel gruppo salatini da 415 ± 67 a 421 ± 67 (1,8 ± 11,1%). Anche il tempo di esposizione per raggiungere l'eritema (arrossamento) minimo è aumentato significativamente nel gruppo mandorle da 160 ± 23 a 187 ± 25 (17,5 ± 22,2%) rispetto al gruppo salatini da 165 ± 27 fino a 166 ± 25 (1,7 ± 14%) (p = 0,026).
Al basale, i gruppi non avevano differenze significative di MED, il che indicava che la variazione di MED era dovuta all'intervento sulle mandorle. Un aumento del MED e dell'esposizione significa che è stata necessaria una maggiore quantità di luce UVB per indurre l'eritema (arrossamento) dopo 12 settimane rispetto al gruppo dei salatini.
Non c'erano differenze significative tra i due gruppi nella valutazione dell'eritema o della rugosità cutanea Allergan secondo la valutazione dei dermatologi.
Non sono state rilevate differenze significative nell'indice di melanina, nell'idratazione del sebo o nell'eritema alla lettura del cutometro.
Il meccanismo per il miglioramento della resistenza ai raggi UV con l'intervento sulle mandorle è attualmente sconosciuto. I ricercatori ipotizzano che i nutrienti nelle mandorle (acidi grassi mono e polinsaturi, vitamina E, quercetina (un flavonoide) e altri composti fenolici e polifenolici, possano migliorare la capacità antiossidante e antinfiammatoria della pelle umana, che potrebbe essere responsabile della maggiore fotoprotezione contro la luce UVB.

Conclusioni

Uno spuntino quotidiano di mandorle (42 grammi) ha migliorato la resistenza ai raggi UVB nelle giovani donne asiatiche che hanno consumato mandorle per 12 settimane. I risultati suggeriscono che includere le mandorle nella dieta può aiutare a sostenere le difese interne della pelle contro i raggi UVB.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea