I nostri cibi mettono a rischio gli animali domestici

Lunedì, 06 Giugno 2022

Molti non ci fanno caso, ma ci sono alimenti presenti in casa che mettono in grave pericolo i nostri animali domestici. Cipolle, patate e fondi di caffè contengono molecole tossiche per cani, gatti e altri animali domestici.

 

Una delle più frequenti cause di avvelenamento è costituita dalle metilxantine come la teobromina, sostanza presente nelle fave di cacao. La dose tossica e quella letale variano in relazione alla specie, all'età dell’animale e alla quantità ingerita, che dipende anche dal tipo di cioccolato ingerito, se fondente o al latte. Rischiosi sono anche i chicchi o i fondi del caffè, del tè o i resti di bevande energizzanti.
Le cipolle del genere Alium contengono invece i sodio alchil tiosolfati, che provocano anemia emolitica. Dello stesso genere botanico fanno parte aglio, porro ed erba cipollina.
Ingerire uva e uvetta provoca insufficienza renale acuta nei cani. Tossici risultano anche l’avocado e le noci macadamia. Ingerire bevande alcoliche e a base di frutta fermentata può causare gravi intossicazioni da etanolo in cani e gatti.
Il rispetto di regole precise è la base per prevenire la possibile ingestione di alimenti pericolosi. Per questo, è bene assicurarsi la consulenza di un medico veterinario che illustri le varie caratteristiche dell’animale, preparando un piano alimentare adeguato.
Va prestata attenzione alla disposizione dei prodotti in casa, niente deve essere lasciato a portata di zampa o di bocca. Anche una semplice borsa aperta può diventare pericolosa se al suo interno è presente ad esempio una bustina di dolcificante contenente xilitolo, tossico per cani e gatti.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea