Salute in rete - Campagne, indagini, eventi Salute in rete - Campagne, indagini, eventi

SINERGIA TRA TERME E MEDICINA, NASCE IL "METODO HELVETIA"

Martedì, 11 Aprile 2017

Da un lato il benessere delle terme nel cuore dell’appennino tosco-emiliano, dall’altro i benefici dei trattamenti di medicina preventiva: a Porretta Terme si ritrovano, per la prima volta integrati in maniera sinergica, i due aspetti più significativi del wellness contemporaneo. Se è vero che in questa zona poco battuta dell’Italia centrale le sorgenti termali erano frequentate già nel II secolo dC, all’Helvetia Thermal Spa - struttura risalente agli anni della Belle Époque e utilizzata come rifugio durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale - i principi attivi dell’acqua salsobromoiodica interagiscono con una serie di percorsi di medicina estetica e preventiva creando un binomio importante nell’ottica di un benessere psicofisico completo. “In fondo – spiega il medico termalista Fausto Bonsignori - il valore aggiunto dei trattamenti termali per chi cerca l’essenza del relax è riconosciuto e documentato anche da autorevoli studi medico-scientifici: basti pensare agli stimoli forniti dall’acqua salsobromoiodica e sulfurea alla sfera neuro-ormonale e al rilascio di sostanze come beta endorfine, encefaline e serotonina. Oppure ai vantaggi della prevenzione per l’apparato muscolo-scheletrico, il sistema linfatico venoso delle gambe, la salute della pelle o il benessere gastro-intestinale”. Proprio su queste basi a Porretta Terme è stato costruito il “metodo Helvetia” che si basa sull’integrazione tra trattamenti termali e di medicina estetica, i cui effetti benefici congiunti danno risultati evidenti.L’Helvetia Thermal Spa – un buen retiro ideale per chi vuole approfittare dei vantaggi e della salubrità dell’acqua termale senza rinunciare alle comodità di un hotel a 4 stelle – rappresenta così forse uno dei migliori compromessi a livello nazionale tra qualità dei servizi e contesto geografico: punto forte della struttura è la grotta, situata proprio lungo la Linea Gotica e col tempo passata dall’essere luogo di riparo dalla guerra a tempio del benessere. All’interno dell’antico rifugio, dove si accede da un corridoio scavato nella montagna, sono stati ricavati una biosauna, una sauna finlandese, un grande hammam aromatizzato, due docce emozionali e un’area relax.


La curiosità

A riprova della salubrità delle acque di Porretta Terme c’è una storia che affonda le radici nel Trecento. Da queste parti è ancora viva la leggenda del bue malato, diventato simbolo delle proprietà termali del territorio: secondo il mito, l’animale venne lasciato a morire in libertà dalla padrona, perché ormai ridotto in fin di vita, ma si abbeverò alle acque che sgorgano dal monte Sassocardo e tornò alla stalla completamente curato. Da qui iniziò la riscoperta delle proprietà curative delle acque minerali e l’utilizzo dell’immagine del bue che si abbevera alla sorgente come stemma della comunità dei Bagni.

 

Fonte: Marco Gemelli

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Antonella

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea