Salute in rete - Campagne, indagini, eventi Salute in rete - Campagne, indagini, eventi

Distanziamento sociale, 1 italiano su 2 non sa come comportarsi

Mercoledì, 20 Maggio 2020

Almeno 4,5 metri tra gli ombrelloni in spiaggia, 2 metri tra i tavoli al ristorante, 1 metro per strada o sui mezzi pubblici (ma i medici dicono almeno 2 metri minimo) e addirittura uno attaccato all’altro in scooter ma, in questo caso, solo se conviventi; il distanziamento sociale è la nuova parola d’ordine della Fase 2 e, chi più chi meno, tutti gli italiani sono costretti a fare i conti con le distanze di sicurezza.

 

Più facile a dirsi che a farsi se si considera che le regole cambiano da luogo a luogo, da situazione a situazione e, in alcuni casi, anche da una regione all’altra; a confermare lo stato di confusione di molti cittadini arriva l’indagine realizzata per Facile.it da mUp Research e Norstat da cui è emerso che sono oltre 29,5 milioni gli italiani che hanno ancora le idee confuse sulle distanze da mantenere in alcuni dei più comuni contesti quotidiani.
Il problema – si legge nell’indagine svolta su un campione rappresentativo della popolazione italiana adulta – non sembra essere il concetto generale di distanziamento sociale, rispetto al quale la quasi totalità degli intervistati afferma di aver chiaro il significato e solo l’1,2% ha ammesso di non sapere o non essere sicuro di sapere cosa sia (parliamo comunque di 520.000 individui). Ma una volta analizzati più da vicino i contesti specifici nei quali è necessario mantenere le distanze di sicurezza, ecco che allora emerge la grande confusione che alberga in molti italiani.
La circostanza più critica è quella dei giochi fra bambini; che ci si trovi al parco o nel giardino condominiale, in questa situazione oltre la metà degli adulti (il 50,9%) ha dichiarato di non sapere quale sia il distanziamento corretto da mantenere. Ma la lista dei luoghi pubblici rispetto ai quali gli italiani hanno le idee poco chiare è lunga; le spiagge (il 32,4% dichiara di non sapere con certezza quale sia la distanza corretta da rispettare), i negozi di parrucchieri o saloni di estetica (31,5%), i mezzi pubblici (23%) e i bar (18,4%).
E persino sulle auto e moto private sono tanti i cittadini (20,6%) che ammettono di non sapere con esattezza, se non addirittura ignorare del tutto, quale sia la distanza giusta da mantenere rispetto agli altri passeggeri.
Si “salva” solo la strada; anche grazie al bombardamento mediatico delle ultime settimane, sembra essere il luogo pubblico dove gli italiani pare abbiano capito meglio quale atteggiamento tenere quando si cammina sul marciapiede e “solo” il 9,2% dei rispondenti ha detto di non conoscere quale sia la distanza di sicurezza.
Va da sé che se non si è certi delle distanze da mantenere, difficilmente si potranno rispettare; sono molti i rispondenti che hanno ammesso di non essere sicuri di riuscirci o, peggio, di sapere già da ora che non lo potranno fare.
Ancora una volta il caso più critico è quello dei giochi fra bambini, una situazione nella quale 1 rispondente su 2 (50,2%) ha dichiarato che difficilmente riuscirà a rispettare le indicazioni di sicurezza.
Ma sono molti coloro che faranno fatica ad attenersi al distanziamento sociale anche in altri contesti comuni, ad esempio, sui mezzi pubblici - dove chi teme non riuscirà a rispettare le giuste distanze è il 32,5% dei rispondenti - e in spiaggia (30,1%). La camminata in strada, invece, si conferma come la situazione che spaventa meno gli italiani; solo il 6,2% ha dichiarato che non riuscirà ad attenersi ottemperare all’obbligo in questo contesto.
Discorso diverso per le camminate in montagna, in questo caso più di uno su quattro (25,6%) non sa quale distanza debba mantenere e il 12,9% dichiara già da ora che non sanno se riuscirà ad osservarla.
Capitolo a parte meritano i ristoranti, le pizzerie e i pub, rispetto ai quali, più che il distanziamento sociale, il vero problema potrebbe essere l’affluenza. Sono molti i locali che, pur tra difficoltà economiche e nuovi difficili standard di sicurezza, hanno alzato le serrande, ma gli italiani sono pronti a tornare a pranzare e cenare fuori casa?
La maggior parte, purtroppo, no. Secondo l’indagine realizzata per Facile.it, più di un intervistato su due (54,5%) ha dichiarato che, almeno nella prima settimana di riapertura, non mangerà fuori casa perché non si sente sicuro; il 22% è ancora indeciso e il 10,3% continuerà a utilizzare la modalità di asporto o consegna a domicilio. Insomma, nonostante le fatiche di molti ristoranti, pizzerie e pub, sembra che solo il 13,3% degli italiani tornerà subito a mettere le gambe sotto al tavolo.
Ma il dato forse ancor più preoccupante, si legge nell’indagine, è che questa scelta non sembra essere momentanea ma pare corrispondere a un cambiamento di abitudine più radicale. Alla domanda “Con quale frequenza, rispetto a prima dell’emergenza coronavirus, crede che andrà a pranzo o a cena in un ristorante, una pizzeria o un pub da qui alla fine del 2020?”, solo il 21,6% degli intervistati ha dichiarato che ci andrà con la stessa frequenza di prima; il 60,4%, pari a quasi 26,5 milioni di italiani, ha invece ammesso che ci andrà meno spesso di prima, mentre il 16,8% addirittura non ci andrà proprio.
A cambiare maggiormente abitudini sembra saranno i più anziani; nella fascia di età compresa fra i 65 ed i 74 andranno al ristorante/pizzeria meno di quanto facessero prima dell’emergenza il 63,2% dei rispondenti, e ancora meno (64,8%) coloro che hanno una età compresa fra i 55 e i 64 anni.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Eleonora

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea