Il diabete causa 1 milione e mezzo di morti all’anno

Mercoledì, 13 Luglio 2022

In continuo aumento i numeri legati al diabete di tipo 2 nel mondo. Li rende noti l’Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui sono oltre 1,5 milioni i decessi nel mondo attribuibili ogni anno alla malattia.


Anche in Italia – come in ogni paese sviluppato – la situazione è delicata ed è stata sintetizzata dall’ultima relazione al Parlamento del maggio 2022 che ha comunicato i dati relativi al biennio 2019-2020.
Il dato nazionale sulla prevalenza della malattia è del 5,6%, ma è superiore al Sud rispetto al Centro e al Nord Italia, così come il consumo di farmaci, maggiore del 33% rispetto al Nord del paese e del 19% rispetto alla media nazionale.
Tra i malati di diabete i fattori di rischio cardiovascolare sono i più rappresentati: riguardo alle abitudini alimentari, per esempio, l'89% riferisce di non seguire il consiglio di mangiare cinque porzioni al giorno tra frutta e verdura (come il resto
della popolazione (91%); la maggior parte è sovrappeso (il 71% vs 41% fra chi non ha il diabete) e ha una serie di fattori predisponenti quali ipertensione (52% vs 18% fra chi non ha il diabete), colesterolo ad alti livelli (43% vs 21% fra chi non ha il diabete); conduce una vita sedentaria (49% vs 36%) e fuma abitualmente (23% analogamente al resto della popolazione (25%).
Diverse le azioni messe in campo per aumentare la prevenzione e ridurre il rischio di complicanze associate alla malattia. Il programma Guadagnare salute è teso a pubblicizzare comportamenti e stili di vita più salutari, ed è stato affiancato a vari piani nazionali di prevenzione che puntano sul diabete come una delle principali malattie fra quelle non trasmissibili.
L’Italia fa parte inoltre del Network Measuring Population and Organizational Health Literacy, che valuta lo stato dell’arte del livello di comprensione della malattia nell’opinione pubblica, allo scopo di programmare azioni di politica sanitaria per migliorare questa conoscenza e monitorare nel tempo gli esiti delle azioni sullo stato di salute della popolazione.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Post dai gruppi

Chi è in linea