Mascherine, con il caldo meglio quelle chirurgiche

Venerdì, 03 Luglio 2020

Lasciate perdere le Ffp2, le mascherine utilizzate dagli operatori sanitari in ambienti Covid. Soprattutto in presenza di queste temperature molto elevate, è meglio optare per le semplici mascherine chirurgiche. A dirlo è anche Matteo Bassetti, infettivologo e direttore della Clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova.

 


«Le migliori mascherine da usarsi in questa fase, specie ora che è comparso il caldo, sono quelle chirurgiche e non le Ffp2 - scrive Bassetti - Queste ultime, infatti, oltre a costare molto di più, aumentano molto la temperatura facciale, sono più scomode e hanno minor aderenza. Lo dimostrerebbe un interessante lavoro pubblicato sull'International Journal of Environmental Research and Public Health. Per strada vedo ancora troppa gente con le Ffp2 perché pensano siano migliori. Lasciamole agli operatori sanitari e continuiamo a usare, quando servono, le mascherine chirurgiche».
Sulla questione della quarantena per gli stranieri che giungono in Italia, Bassetti si dice d’accordo con la decisione del governo di posticiparne la cancellazione finché nei paesi extraeuropei interessati le autorità sanitarie non siano riuscite a bloccare la curva epidemica, che ora appare del tutto fuori controllo negli Stati Uniti, in Brasile, in Messico e in altri paesi.
«Visti i numeri del nostro paese e l'eccezionale lavoro svolto, che ci ha portato ai titoli di coda di questo primo focolaio epidemico italiano di Covid-19, trovo molto giusto l'atteggiamento del governo italiano di controllo degli ingressi», spiega Bassetti.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea