Coronavirus, arriva anche il vaccino cinese

Venerdì, 16 Ottobre 2020

Dalla Cina arriva un altro potenziale candidato vaccino per il virus Sars-CoV-2. Il vaccino – denominato BBIBP-CorV – è stato sviluppato sulla base del nuovo coronavirus inattivato, reso cioè innocuo per l’organismo, coadiuvato dall'aluminium hydroxide, elemento noto per potenziare la risposta immunitaria.
Su un gruppo di volontari sani, il vaccino ha dimostrato di essere sicuro e di indurre una buona risposta immunitaria.


La sperimentazione di fase 1-2 è stata condotta fra la fine di aprile e la fine di luglio in diversi centri del paese, fra cui lo Henan Provincial Center for Disease Control and Prevention e il Beijing Institute of Biological Products. Il campione oggetto di analisi era costituito da oltre 600 volontari sani fra i 18 e gli 80 anni. Lo studio è stato pubblicato su The Lancet Infectious Diseases, e dimostra la presenza di una risposta anticorpale in tutti i partecipanti entro il 42esimo giorno dalla vaccinazione.
“La protezione degli anziani è un obiettivo chiave per un vaccino anti-Covid efficace poiché questo gruppo è a maggior rischio. È quindi incoraggiante che questo vaccino induca risposte anticorpali anche negli anziani over-60 e oltre", ha commentato Xiaoming Yang, tra gli autori dello studio.
I dati indicano che, seppur presente, la risposta anticorpale fra gli anziani ha tardato a manifestarsi rispetto ai soggetti più giovani. Nei primi, infatti, si è verificata in media 42 giorni dopo la vaccinazione, nei secondi solo 28 giorni dopo.
"I vaccini sono a volte meno efficaci proprio sui soggetti più anziani e questo perché il sistema immunitario si indebolisce con l'età. Sono quindi incoraggianti i risultati di questo candidato vaccino sugli anziani, e vanno ulteriormente approfonditi”, ha commentato Xiaoming Yang, del Beijing Institute of Biological Products Company Limited.
"Non è possibile dire se la risposta anticorpale indotta dal vaccino sia sufficiente per proteggere dall'infezione da Sars-Cov-2”, precisano tuttavia i ricercatori asiatici.

 

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea