Coronavirus, le donne sono meno propense a rischiare

Martedì, 20 Ottobre 2020

La maggiore adesione delle donne alle politiche relative al coronavirus può essere una delle ragioni della minore vulnerabilità e mortalità che hanno registrato, rispetto agli uomini, nella fase iniziale dell'epidemia. “I responsabili politici che promuovono una nuova normalità fatta di mobilità ridotta, mascherine e altri cambiamenti comportamentali”, dice Vincenzo Galasso, uno degli autori di un nuovo studio sulle differenze di genere nella reazione a COVID-19, “dovrebbero quindi progettare una comunicazione differenziata per genere se vogliono aumentare l’adesione degli uomini”.
Due degli autori della ricerca, apparsa su PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences), sono studiosi della Bocconi, Vincenzo Galasso e Paola Profeta, affiliati al COVID Crisis Lab.

 


Gli autori osservano sostanziali differenze di genere sia negli atteggiamenti che nei comportamenti attraverso un'indagine in due ondate (marzo e aprile 2020), con 21.649 intervistati in Australia, Austria, Francia, Germania, Italia, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti, che è parte del progetto internazionale REPEAT (REpresentations, PErceptions and ATtitudes on the COVID-19).
Le donne di tutto il mondo sono più propense degli uomini a considerare il COVID-19 un problema di salute molto grave (59% contro il 48,7% a marzo e 39,6% contro 33% ad aprile), sono più propense a concordare con le politiche pubbliche che contrastano la pandemia, come le restrizioni alla mobilità e il distanziamento sociale (54,1 contro 47,7 in un indice che va da 1 a 100 in marzo e 42,6 contro 37,4 in aprile) e sono nettamente più propense a seguire le regole che riguardano il COVID-19 (88,1% contro 83,2% in marzo e 77,6% contro 71,8% in aprile).
Tra i paesi esaminati, l’Italia è quello che rispetta maggiormente le regole, sia all’inizio del lockdown che ad aprile, dopo sei settimane di chiusura. Ma le differenze di genere rimangono forti: all’inizio il 92,6% delle donne rispettava le regole rispetto all’87,2% degli uomini, con una piccola riduzione ad aprile: 89,5% tra le donne e 84,5% tra gli uomini.
“Le differenze maggiori tra uomini e donne riguardano i comportamenti che servono a proteggere soprattutto gli altri, come tossire nel gomito, a differenza di quelli che possono proteggere sia se stessi che gli altri”, dice Profeta.
Le differenze di genere persistono anche dopo aver controllato un gran numero di caratteristiche sociodemografiche e di fattori psicologici.
Tuttavia, sono minori tra le coppie sposate, che vivono insieme e condividono i loro punti di vista, e tra gli individui più direttamente esposti alla pandemia. Esse diminuiscono nel tempo, se uomini e donne sono esposti allo stesso flusso di informazioni sulla pandemia.

 

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea