Covid, il vaccino di Pfizer sembra bloccare anche la variante inglese

Giovedì, 21 Gennaio 2021

Sospiro di sollievo per i ricercatori e per il mondo in genere. Il vaccino sviluppato da Pfizer e BionTech ha mostrato di essere efficace anche sulla cosiddetta variante inglese del nuovo coronavirus. La conferma arriva da due studi disponibili in preprint su bioRxiv, quindi ancora privi di revisione paritaria.

 

I ricercatori hanno analizzato il ceppo di riferimento di Wuhan e la variante B117 con annesse mutazioni a carico della proteina Spike. Il campione era formato dal sangue di 16 soggetti che avevano partecipato a un precedente trial sul vaccino. I campioni prelevati mostravano la presenza di anticorpi neutralizzanti in risposta a entrambe le varianti.
“I dati, insieme all'immunità combinata indotta dal vaccino, rendono improbabile che la variante inglese sfugga alla protezione vaccinale", sottolineano i ricercatori.
Un altro studio, realizzato da scienziati inglesi e olandesi, conferma le conclusioni del primo. Nella maggior parte dei campioni di siero analizzati per lo studio sono emersi anticorpi in grado di neutralizzare anche la variante inglese, anche se l’efficacia è risultata inferiore in un piccolo numero di volontari.
“È necessario, quindi, un monitoraggio efficace in tempo reale delle mutazioni emergenti e del loro impatto sull'efficacia del vaccino", concludono i ricercatori.

 

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea