Occhio secco, come gestire la malattia

Lunedì, 10 Febbraio 2020

Per gestire al meglio la malattia dell'occhio secco è necessario comprendere quale dei 5 fattori più comuni è responsabile del quadro clinico. I fattori sono: instabilità del film lacrimale, infiammazione, sofferenza dell'epitelio congiuntivale e corneale, alterazioni palpebrali e alterazioni dell'innervazione.

 

Solo dopo un'adeguata visita lo specialista potrà indicare qual è la tipologia di sostituto lacrimale più indicata per il paziente. Vi sono casi in cui l'aderenza terapeutica rimane insoddisfacente a causa di una cattiva comunicazione con il medico. Il primo obiettivo del medico è riuscire a far comprendere al paziente che l'occhio secco è una vera e propria malattia che va curata in maniera continuativa e regolare.
Una particolare attenzione va rivolta a quei soggetti che devono essere sottoposti a interventi di chirurgia oculare. In fase pre-operatoria i medici li devono informare sui sintomi e sulla gestione della malattia. Ciò aiuterà i pazienti a distinguere i sintomi dovuti a secchezza oculare da quelli indotti dalla chirurgia, e li indurrà a seguire le indicazioni per la preparazione all'intervento e l'aderenza alla terapia nella fase post-operatoria.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Eleonora

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea