Tumori come batteri, resistono alle terapie evolvendo

Venerdì, 08 Novembre 2019

Nonostante i passi avanti nella cura dei tumori, le recidive rimangono il problema maggiore per i pazienti oncologici. Fino ad oggi venivano considerate un fatto inevitabile: si pensava che la neoplasia contenesse fin dalla sua origine le cellule resistenti ai farmaci.

 

Ma una scoperta dell'Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo ha cambiato l'intero paradigma, aprendo la strada a terapie più efficaci.
È l'esito di uno studio, finanziato dalla Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro, dall'Airc e pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Science, che ha integrato diverse discipline, come la biologia computazionale, l'anatomia patologica e l'oncologia medica. Al termine di tre anni di lavoro i ricercatori hanno avuto la conferma: le cellule tumorali sono in grado di evolvere, al pari dei batteri. "È possibile che in futuro questa scoperta porti a nuove ipotesi terapeutiche", spiega Alberto Bardelli, direttore del laboratorio di Oncologia molecolare all'Irccs di Candiolo.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea