Risvegli notturni dei bambini, la fine dell’allattamento non serve

Giovedì, 25 Novembre 2021

La fine dell’allattamento al seno è una fase delicata che porta con sé molte preoccupazioni e aspettative da parte delle mamme, ad esempio riguardo ai risvegli notturni dei bambini, nella speranza che si diradino se non, addirittura, scompaiano. Un falso mito che Antonella Sagone, psicologa perinatale, consulente professionale in allattamento materno e membro del gruppo di lavoro ‘Psicologia e salute perinatale’ dell’ordine degli Psicologi del Lazio, tiene a sfatare.

 


“È importante sapere che il bambino non si sveglia per poppare, ma chiede di poppare per riaddormentarsi. Tutti i bambini si svegliano la notte e non è possibile educare un bambino a non svegliarsi, perché i risvegli sono fisiologici, incondizionati, dipendono dallo sviluppo neurologico e possono anche essere influenzati da elementi di disturbo, per esempio la dentizione. Quando il bambino si sveglia ha bisogno di aiuto per riaddormentarsi: chi è allattato chiederà il seno perché è il modo più veloce per farlo e rappresenta la via più rapida anche per la mamma. Chi non è allattato magari prenderà il ciuccio o vorrà essere coccolato. Togliere il seno - ribadisce dunque l’esperta - non garantisce la fine dei risvegli notturni”.
Riguardo alla fine dell’allattamento, la psicologa perinatale chiarisce immediatamente un altro aspetto molto importante: “Gli allattamenti possono terminare estinguendosi naturalmente perché a un certo punto tutti i bambini, chi prima e chi dopo, non desiderano più poppare. Inoltre, nel tempo, perdono anche la capacità di succhiare dal seno. L’idea che i bambini non si svezzeranno mai da soli- aggiunge- deriva dal fatto che generalmente ci si aspetta che lascino il seno prima di quando sono pronti. Ricordiamo che l’OMS raccomanda di allattare possibilmente fino a due anni (introducendo cibi solidi dopo i sei mesi), e precisa che dopo i due anni l’allattamento può continuare con benefici per madre e bambino”.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito

Chi è in linea