laringite cronica..nessun rimedio efficace...possibile?

Domanda iniziata da Ludwig 7 anni

Salve, vi scrivo per avere un altro parere e magari un altro rimedio..
E' iniziato tutto più di 2 anni fa. Sentivo un dolore alla gola alla parte destra quando starnutivo e avevo abbassamenti di voce.
Ho fatto una visita dall'otorino e mi ha detto che avevo le corde vocali arrossate.
Ho fatto aerosol Fluibron più Prontinal per circa 20 giorni. Ho avuto un pò di sollievo ma non è durato molto.
Ho fatto passare un po di tempo e sono andato di nuovo a visita. Mi ha consigliato di fare una terapia per il reflusso
e in più fare delle sedute di Logopedia.
La logopedista non ha notato niente di particolare, anche perchè sono musicista e so come usare la respirazione e il diaframma.
Le ho fatto notare che avevo abbassamenti di voce nei locali affollati, se bevevo alcool e con i cambi di temperatura o se parlavo ad alta voce.
Ho provato a fare delle lezioni di canto, ma la gola mi dava troppo fastidio.
Le ho spiegato che dopo aver fatto gli esercizi logopedici il sollievo durava poco e poi mi sentivo la gola rigida e secca.
Mi ha insegnato dei metodi naturali per idratare le corde vocali. In più ho cercato di seguire una dieta rigida per il reflusso.
Per un po sembrava andare tutto bene, ma poi ho iniziato di nuovo ad avere peggioramenti.
Ho iniziato a sentire gola, naso e orecchie infiammate...vado da un altro specialista per sentire un altro parere
per sicurezza. Tramite la laringoscopia a fibre ottiche mi diagnostica una laringite cronica, dovuta o al reflusso, o
ad un raffreddamento non curato e il fatto che suono uno strumento a fiato secondo lui peggiora la situazione (anche se
ho avuto periodi che non ho suonato e il fastidio l'ho avuto ugualmente). Mi ha detto che anche se non ho
nessun problema tecnico a suonare, comunque è una cosa che faccio da 15 anni e nel momento in cui ho iniziato ad avere problemi
dovevo stare più attento. Ma gli ho detto che il primo medico mi ha sempre rassicurato che era una semplice infiammazione
alle corde vocali e che lo strumento non centrava niente. Anzi, scocciato dalla volte che ci sono andato, l'ultima volta mi
ha lasciato cosi "La terapia è questa..se funziona bene..se no ti freghi"...direi, molto professionale.
Gli ho fatto capire che non sono un ipocondriaco, ma visto che questo problema grava sullo strumento e di conseguenza sulla
mia professione, devo trovare assolutamente un rimedio.
Ritornando all'ultima visita che ho fatto...mi ha dato come terapia: Aluneb e Prontinal per aerosol per 20 giorni, Veclam per 7 giorni e Omeprazen e Riopan da fare sempre. In più sto prendendo Xanopil plus che è un integratore alimentare che dovrebbe aiutare in casi
infiammatori. Dopo un mese di terapia non ha avuto nessun miglioramento, anzi..sono giorni che sto combattendo un forte raffreddore, mi alzo la mattina sempre con la gola molto secca e la voce rauca o quasi assente e quando faccio uno starnuto mi faccio molto male, e ho spesso un rigonfiamento dei linfonodi sotto il mento.
Non so più cosa pensare e cosa fare.. Possibile che non riesco ad avere sollievo duraturo da nessuna terapia?.. Se è vero che il fatto che suono uno strumento a fiato può aggravare la situazione, perchè nei periodi che avevo sollievo non avevo problemi a suonare? Visto che il picco del fastidio ce l'ho mattina e la sera, tendo a suonare sempre il pomeriggio e per circa 2 ore riesco a  senza grossi problemi (anche se il fastidio alla gola ce l'ho) ma poi comincio a sentire la gola secca e rigida e devo stare in continuazione a bere per avere un pò di sollievo...e comunque ci sono giornate che il fastidio ce l'ho per tutto il giorno e quando vedo che non riesco a suonare senza avere fastidio, smetto di farlo subito...
Voglio solo capire se è una cosa che riuscirò a risolvere senza privarmi di suonare (anche perché sono convinto che non faccio nulla di sbagliato per aggravare sulla gola), anche perchè ho basato la mia vita sulla musica e non sarebbe facile lasciarla.
Spero di ricevere un vostro consiglio al più presto. Grazie della vostra attenzione.

Devi essere un membro di questo gruppo prima di poter partecipare a questa domanda
Prof. Dott. Massimo Borghese. Foniatra Otorinolaringoiatra
Prof. Dott. Massimo Borghese. Foniatra Otorinolaringoiatra
Nessun consiglio può essere attendibile se ispirato solo da un resoconto -sia pur molto dettagliato- di quanto accaduto fino ad ora. All'interno del suo racconto ci sono diversi momenti diagnostici e terapeutici, dei quali qualcuno potrebbe essere, diciamolo pure, sbagliato o comunque inadatto a lei. Di conseguenza, tutto ciò che ne è derivato, potrebbe perdere di attendibilità.
Personalmente ritengo che l'unica premessa per tentare di darle una risposta/soluzione, stia nel vederla in una visita e valutare il suo caso nella sua individualità e nelle sue caratteristiche.
E' ovvio che se i fastidi persistono, è perché qualcosa non va bene, e occorre identificarla e rimediare.

Prof. Massimo Borghese
Foniatra. Otorinolaringoiatra
Napoli. Milano. Verona. Ginevra
7 anni

Tour del sito

Chi è in linea