• Sperelli ha creato un nuovo articolo

    2 giorni fa

    Gli hamburger senza carne fanno male

    Non avranno carne, ma fanno comunque male. Si tratta degli hamburger vegetali prodotti da nuove aziende come Beyond Meat e Impossible Burger, messi...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    7 giorni fa

    Melanzana, le proprietà e il genoma

    Un team di ricerca a guida italiana composto da ENEA, CREA e Università di Verona e Torino ha decodificato il genoma della melanzana, aprendo nuove...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Eleonora ha creato un nuovo articolo

    1 settimana

    Più invecchi, più ingrassi

    L'età porta con sé non soltanto acciacchi, ma anche un decadimento generale nei meccanismi che regolano l'organismo. Fra questi, purtroppo, c'è...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    2 settimane

    Il Dna speciale di chi non ingrassa

    Tutti noi conosciamo almeno una persona che non ingrassa mai nonostante mangi come e più di noi. Si tratta di una predisposizione genetica su cui ha...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    2 settimane

  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

  • Riccardo Antinori Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
    3 mesi

    Curcuma curcumina: dopo che l’Istituto superiore di sanità ha segnalato altri due casi di epatite, il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un altro integratore a base di curcuma. Si tratta del prodotto Curcumina Plus 95% + Piperina & vitamine B1, B2, B6 a marchio Line@, in confezione da 1000 mg (60 compresse), con il numero di lotto 2077-LOT 198914 con scadenza 02/2022 e il lotto di produzione 18e590 con scadenza 03/2021.

    Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di due integratori alimentari a base di curcuma in seguito alla segnalazione da parte dell’Istituto superiore di sanità di due casi di epatite acuta colestatica associati ai prodotti, che si sono risolti positivamente. Le confezioni interessate sono quelle degli integratori Curcumina Plus 95%, con il numero di lotto 18L823 e scadenza 10/2021, e di Curcumina 95%, con il numero di lotto 18M861 e scadenza 11/2021.

    Gli integratori sono stati prodotti da Frama Srl nello stabilimento di via Panà 56/A, a Noventa Padovana, in provincia di Padova, per Ni.V

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

    10 consigli per un barbecue senza rischi

    La grigliata di carne all’aperto è un must dell’estate. Tuttavia, è bene considerare i potenziali effetti negativi sulla salute, ci ricordano gli...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Riccardo Antinori Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
    3 mesi

    Sindrome intestino irritabile, stilato protocollo dietetico
    Il primo step della dieta comprende la rimozione degli alimenti ricchi di FODMAP. Si spazia in tutte le categorie: ortaggi (asparagi, carciofi, aglio cipolle), frutta (mele, pere, ciliegie, pesche, frutta secca a guscio e frutta disidratata), latticini, miele, legumi e glutine. Segue una reintroduzione graduale con il monitoraggio della reazione dell'organismo ed infine una personalizzazione del regime dietetico basato sulla capacità personale di tollerare alcuni alimenti e l'esclusione di altri.
    Con questa dieta la flora batterica intestinale si modifica con una riduzione dei ceppi responsabili della iperfermentazione e una selezione successiva di bifidobatteri che producono acidi grassi a corta catena (SCFA) contribuendo al mantenimento del microbiota. Un simile intervento è ovviamente nutrizionalmente molto restrittivo. E' importante che tutto il protocollo sia elaborato da un nutrizionista o dietista.

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

  • Eleonora ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

    Due mele al giorno per evitare infarto e ictus

    Bisognerà modificare il celebre proverbio. Sono infatti due le mele al giorno da mangiare per non incappare in gravi problemi di salute come...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

    I cibi che aiutano a sopportare il caldo

    Dopo un maggio quasi invernale, giugno ha portato il caldo in Italia. Con l’alzarsi delle temperature, l’energia comincia a calare e il senso di...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

  • Riccardo Antinori Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
    4 mesi

    Nel 2015 più di 80.000 casi di cancro negli adulti statunitensi sono stati associati a una dieta non ottimale, secondo uno studio pubblicato online su JNCI: Cancer Spectrum. La dieta è un importante fattore di rischio per il cancro, che è però modificabile con vari interventi. Fattori particolarmente importanti per indurre i tumori sono un basso consumo di cereali integrali (1,8%) e un apporto elevato di carni trasformate (1,0%)

  • Eleonora ha creato un nuovo articolo

    4 mesi

    La caffeina ci cambia l’olfatto

    Chi ama il caffè è dotato di un super-olfatto. Lo ha scoperto una ricerca dell’Università di Portsmouth pubblicata su Experimental and Clinical...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    4 mesi

    L’avocado aiuta a dimagrire

    Mangiare avocado al posto dei carboidrati aiuta a ridurre l’appetito e di conseguenza il peso corporeo in soggetti in sovrappeso e obesi. È quanto...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    4 mesi

  • Eleonora ha creato un nuovo articolo

    5 mesi

    Pasquetta, i consigli per un pic-nic perfetto

    Che facciamo a Pasquetta? Ecco il tormentone delle ultime settimane. La tradizione vorrebbe una bella scampagnata, con tanto di tovaglia a quadri...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    5 mesi

    Creato un pane speciale con fibre di agrumi

    Le fibre alimentari aiutano a mantenersi in salute e contribuiscono a prevenire le malattie cardiovascolari e l’insorgenza del diabete di tipo 2....

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    6 mesi

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    6 mesi

    Mangiare male uccide

    Peggio del fumo, dell’ipertensione e di ogni altro fattore di rischio. Una cattiva alimentazione è molto rischiosa per la salute, più di altri...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    6 mesi

    Mangiare con lo smartphone fa ingrassare

    Non è soltanto un segno di cattiva educazione. Stare a tavola con lo smartphone ha come conseguenza anche l’aumento dell’apporto calorico totale. Lo...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    6 mesi

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    6 mesi

    Allergie alimentari e test diagnostici

    È disponibile un nuovo aggiornamento del documento ministeriale sulle allergie alimentari. Il documento, redatto nel 2014, è stato rivisto con...

    Nutrizione Clinica ed Educazione Alimentare

Nutrizione Fisiopatologica

Dietetica Clinica

Nutrizione Sportiva

Educazione Alimentare

Categoria
Dietologia e Nutrizione Clinica
Creato
Lunedì, 09 Marzo 2015
Amministratori Gruppo
Dott. Roberta Madonna Nutrizionista e Biochimico Clinico, Serena Polverini, AUSL2, Balduccinutrizione, Eleonora, SerenaGrimaldi, Isabel Zolli, Dario Di Pietro, Dott.ssa Marianna Tommasone Biologa Nutrizionista
Visualizza tutti gli articoli Visualizzando 100 di 251 Articoli
  • lucaluigi72
    Esofagite da reflusso... dieta
    Iniziata da lucaluigi72 Venerdì, 04 Settembre 2015 1 Risposta

    Buon giorno
    Tutte le informazioni che lei ha ricevuto sono esatte. In realtà anche le spezie sono fibre e l'eccesso di fibre non fa bene all'esofagite. Sicuramente non fanno bene le spezie piccanti e irritanti come anice e menta. Le spezie come prezzemolo, basilico, origano, maggiorana, rosmarino , ecc. vanno usate in dosi piccolissime e, dove possibile, solo le foglioline e non i gambi. Il the, il caffè e derivati aumentano la secrezione di succo gastrico e quindi non fanno bene, anche in piccole dosi, perchè è proprio il succo gastrico che risale nell'esofago a dare problemi. Importantissimo bere pochissimo durante i pasti (per non diluire il bolo alimentare che potrebbe risalire in esofago) e bere molto a stomaco vuoto.
    Deve avere pazienza e affrontare il "cambiamento dello stile alimentare" per dare giovamento alla sua salute.

    Ultima risposta di Dott.ssa Angela ASTONE (Nutrizionista) il Lunedì, 17 Luglio 2017
  • Eric Cartman
  • dak911
    RITENZIONE IDRICA
    Iniziata da dak911 Venerdì, 22 Aprile 2016 1 Risposta

    Nell'attesa che tu riceva la tua risposta, anche se non sono qualificato da semplice lettore mi permetto di gettare nel discorso una cosa letta a riguardo qualche tempo fa, mentre cercavo info su possibili rimedi farmacologici alla ritenzione idrica per mia sorella e lessi del possibile impiego di diuretici www.idoctors.it/blog/cardiopatia-ipertensiva/ perché me l'aveva accennato un amico in palestra (credo sia una pratica utilizzata nel body-building). Quanto agli esami, però, non saprei. Il medico è sempre la risposta giusta.

    Ultima risposta di Gabriellati il Lunedì, 09 Maggio 2016
  • Eric Cartman
    Dieta vegana
    Iniziata da Eric Cartman Martedì, 03 Maggio 2016 5 risposte

    Ciao Gabriellati,
    penso che "certe malattie" esistessero anche prima e che a renderle così "diffuse e pericolose" non sia la carne o l'olio di palma, come vogliono farci credere, ma piuttosto le famose "cattive abitudini" a cui la società moderna ci ha addestrati e su cui adesso si sta speculando alla grande...

    Ultima risposta di Eric Cartman il Venerdì, 06 Maggio 2016
  • Silvietta
    15 giorni dieta senza risultati
    Iniziata da Silvietta Martedì, 06 Ottobre 2015 6 risposte

    Cara Tiziana, ci sarebbe da fare una lezione su questo. Dico solo che se io sono in astinenza da "riconoscimenti" affettivi, per esempio, sarò indotta a comportarmi secondo uno schema acquisito, e memorizzato, già nel periodo dell'allattamento. Durante questa fase, infatti, il pianto del bambino non è sempre compreso dalla mamma, lo diventerà successivamente dopo prove ed errori; immediatamente la mamma offre il seno al bimbo, che lo rifiuta, perchè il suo bisogno era un altro. Dopo vari processi cognitivi il bimbo assocerà, al bisogno di ricevere carezze, il cibo, e si alimenterà in maniera compulsiva. Questo schema, se non compreso, consapevole e corretto, si mantiene per tutta la vita, e trasmesso ai discendenti.

    Ultima risposta di dott.ssa Maria Pia Dibari (Psicologa - Psicoterapeuta - Psicodiagnosta) il Mercoledì, 07 Ottobre 2015
  • Eleonora
    Minimo calorie giornaliere nella dieta
    Iniziata da Eleonora Mercoledì, 27 Maggio 2015 3 risposte

    In realtà, se il soggetto svolge attività fisiche (o intellettuali) intense durante la giornata, anche, con un limite superiore alle 1200 Kcal può sussistere questa possibilità...
    è per questa ragione, che è importante essere seguiti da un professionista, in grado di elaborare il miglior piano alimentare, che soddisfi sia le esigenze nutrizionali ed energetiche sia gli obiettivi del paziente!!

    Ultima risposta di Dott. Roberta Madonna Nutrizionista e Biochimico Clinico il Mercoledì, 27 Maggio 2015
Visualizza tutte le domande Visualizzando 6 di 6 domande

Tour del sito