cover photo

Malattie Infettive e Covid-19

Iscriviti al Gruppo
  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    ieri

    Oggi nel Lazio su 2.329 tamponi molecolari e 7.286 tamponi antigenici per un totale di 9.615 tamponi, si registrano 779 nuovi casi positivi (-293), sono 6 i decessi (+1), sono 539 i ricoverati (-10), 23 le terapie intensive (-2) e +1.834 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 8,1%. I casi a Roma città sono a quota 430.

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    2 giorni fa

    La variante Kraken sarà presto dominante in Europa
    Secondo la previsione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), la sottovariante di Omicron XBB.1.5 potrebbe prevalere nel Vecchio Continente "nei prossimi uno o due mesi". La gravità dell'infezione non sembra però diversa dalle varianti Omicron già diffuse in precedenza

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 settimana

    La triplendemia è arrivata, ma sta colpendo i più piccoli. La circolazione contemporanea di tre virus, ossia Covid, influenza e virus respiratorio sinciziale, sta prendendo di mira i bambini, quindi riempie Pronto soccorso pediatrici e ambulatori dei medici pediatri. I numeri degli accessi negli ospedali sono da record. Lo afferma Stefania Zampogna, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica (Simeup), sottolineando come sia i Pronto soccorso sia i reparti di Pediatria siano sotto pressione da Nord a Sud.

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 settimana

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 settimana

    Covid-19, contagi e decessi in calo

    Scendono del 38,2% i nuovi casi, i ricoveri e le vittime di Covid in Italia. Il monitoraggio Gimbe rileva nella settimana 6-12 gennaio 2023, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi e decessi. «Purtroppo la campagna vaccinale rimane sostanzialmente al palo» Gimbe: Quarta dose al palo, coperti solo 30% di anziani e fragili

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    2 settimane

    Aids, l'impatto del Covid sui pazienti e le misure messe in atto. Il report del Ministero della Salute.
    In Italia, i dati disponibili indicano che nel 2020, sono state segnalate 1.303 nuove diagnosi di infezione da HIV pari a un'incidenza di 2,2 nuovi casi di infezione da HIV ogni 100.000 residenti. I dati hanno risentito dell'emergenza COVID-19

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    2 settimane

    Tripla epidemia fra i bambini

    Virus respiratorio sinciziale, influenza e Sars-CoV-2. I bambini sono presi dalla triplice morsa dei tre virus, a testimoniarlo i dati di accesso ai...

    Malattie Infettive e Covid-19
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    3 settimane

    La variante Kraken di Covid-19

    “Sostanzialmente, almeno dai dati che vengono riportati, le mutazioni della variante Kraken facilitano l’immunoevasione, quindi schivano le difese...

    Malattie Infettive e Covid-19
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 settimane

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 settimane

    Nuovo farmaco contro Covid-19

    Un team del Dana-Farber Cancer Institute ha pubblicato su Science Advances i dettagli di un nuovo farmaco messo a punto contro Sars-CoV-2. Il...

    Malattie Infettive e Covid-19
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 settimane

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    4 settimane

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 mese

    Attenzione alle micosi endemiche

    Sempre più spesso si verificano casi di 3 malattie fungine: istoplasmosi, blastomicosi e coccidioidomicosi (febbre della valle). A lanciare...

    Malattie Infettive e Covid-19
  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 mese

    A Natale attenzione all'influenza
    "Mai così tanti casi da 20 anni". L'allarme dei medici di famiglia: "Siamo già ai numeri di gennaio e toccheremo livelli mai raggiunti"
    Influenza che questa settimana, assieme ad altre infezioni respiratorie, ha un’incidenza 5 volte superiore al Covid, colpisce 16 adulti e 56-60 bambini sotto i 5 anni ogni mille abitanti. Su 100 casi, circa la metà sono dovuti al ceppo influenzale di tipo A, il 10% a Sars Cov 2 e il 30-40% ad altri virus stagionali", ha aggiunto.

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 mese

    Covid, tampone negativo in presenza di sintomi.
    Avere sintomi tipici del Covid-19 ma il tampone negativo, che diventa positivo quando si sono affievoliti è un fenomeno sempre più diffuso
    Avere sintomi compatibili con quelli di Covid-19 ma tampone negativo, che diventa positivo quando si sono affievoliti, è un fenomeno sempre più diffuso e segnalato al punto che sta attirando l'attenzione della comunità scientifica

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 mese

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 mese

    Long Covid, chi è maggior rischio? Uno studio di Nature

    Donne, tra i 50 e i 60 anni, in sovrappeso o obese, con problemi di salute precedenti alla pandemia. È questo il profilo di chi è a maggior rischio di andare incontro ai sintomi del long-Covid, secondo uno studio coordinato dal King's College di Londra e pubblicato su Nature Communications.

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 mese

    Per fare chiarezza
    ↵Phillips N. Il coronavirus è qui per restare: ecco cosa significa . Natura 2021 ; 590 : 382-4 . _ _ doi: 10.1038/d41586-021-00396-2 pmmid : 33594289

    Mahase E
    . Quali sono le prospettive per i vaccini contro il covid-19? BMJ 2022 ; 379 : o2422 . . doi: 10.1136/bmj.o2422 pmid: 36265866

    Manzanares-Meza LD, Medina-Contreras O
    . SARS-CoV-2 e influenza: una panoramica comparativa e implicazioni terapeutiche . Bol Med Hosp Infant Mex 2020 ; 77 : 262-73 . _ _ doi: 10.24875/BMHIM.20000183 pmmid : 33064680

    Brazeau NF ,Verità R ,Jenks S ,
    . Stima del tasso di mortalità per infezione da covid-19 che tiene conto della sieroreversione utilizzando modelli statistici . Commun Med (Londra) 2022 ; 2:54 . _ _ doi: 10.1038/s43856-022-00106-7 pmmid : 35603270

    Team di previsione COVID-19
    . Variazione del rapporto infezione-mortalità covid-19 per età, tempo e geografia durante l'era pre-vaccino: un'analisi sistematica . Lancetta 2022 ; 399 : 1469-88 . _ _ doi: 10.1016/S0140-6736(21)02867-1 pmmid : 35219376

    Mahase E
    . Covid-19: quante varianti ci sono e cosa ne sappiamo? BMJ 2021 ; 374 : n1971 . doi: 10.1136/bmj.n1971 pmmid : 34413059

    ↵Burns-Murdoch J, Barnes O. Vaccini e omicron significano che il covid ora è meno mortale dell'influenza in Inghilterra

  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    1 mese

    Metformina nella lotta al Covid

    Un recente studio che ha incluso persone con diabete di tipo 2 e positive al SARS-CoV-2, ha evidenziato un'associazione tra metformina ed esiti meno...

    Malattie Infettive e Covid-19
  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 mese

    Influenza, quasi un milione di casi negli ultimi sette giorni. Fimmg: prolungare fino a fine gennaio campagna vaccino
    Salgono ancora i casi di influenza in Italia, raggiungendo quasi 1 milione di contagi.

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    1 mese

    Crescono, in 7 giorni, i decessi Covid (+8%), i ricoveri (+9%) e il numero di pazienti in terapia intensiva (+4,7%) mentre restano stabili i contagi. Lo rileva il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, nella settimana del 2-8 dicembre

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    2 mesi

    Influenza, già c’è il picco

    Da un paio di settimane l’influenza ha steso mezza Italia: sul lavoro, nelle scuole, nelle attività sportive e un po’ dovunque in giro le persone...

    Malattie Infettive e Covid-19
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    2 mesi

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    2 mesi

  • Riccardo Antinori Malattie Infettive e Covid-19
    2 mesi

    Bollettino quotidiano nel Lazio
    Nel Lazio tornano a salire i contagi da coronavirus. Nella regione Lazio si conferma l'aumento del numero complessivo dei casi" covid "su base settimanale", con un "+17%. L'incidenza è "in aumento a 404" contagi "ogni 100 mila abitanti. Il valore Rt" è "in aumento a 1,08", sopra la soglia epidemica di 1.

    I casi a Roma, in un giorno, hanno toccato quota 1.816. È quanto riferito l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, nel bollettino quotidiano, quello del 24 novembre. 29 le persone contagiate e in cura nei reparti di terapia intensiva

Una pagina per chiarire i dubbi sulle Malattie infettive.

In questo gruppo parliamo dei problemi riguardanti le malattie che si possono trasmettere. Qui potrai inserire le tue domande, chiarire i tuoi dubbi, leggere gli articoli degli specialisti, contattare i medici, segnalare le strutture sanitarie specializzate, commentare i messaggi degli utenti, mettere 'mi piace', raccontare la tua esperienza personale e scambiare informazioni con persone che condividono la tua stessa malattia

 

Categoria
Malattie infettive
Creato
Giovedì, 15 Ottobre 2015
Amministratori Gruppo
Sperelli, Raffaella Vellani, Isabel Zolli, Dario Di Pietro, Massimo Douglas Zacco
Visualizzando 100 di 892 Articoli
Visualizza tutti gli articoli Visualizzando 100 di 892 Articoli
  • damiano
  • alex500
  • Fabrizio Pivari
  • Markino97
    Sangue dopo iniezione Pfizer
    Iniziata da Markino97 Domenica, 30 Maggio 2021 0 risposte
  • Berserk71
  • Markino97
    Cortisone e vaccino
    Iniziata da Markino97 Martedì, 04 Maggio 2021 1 Risposta

    Salve, mi pare improbabile che l'assunzione da lei documentata possa aver inficiato l'efficacia del vaccino a distanza di quasi 3 mesi. Per maggiore tranquillità, comunque, è possibile effettuare un test sierologico che attesti la corretta produzione degli anticorpi.

    Ultima risposta di Raffaella Vellani il Mercoledì, 19 Maggio 2021
  • victor84
    strana bolla base pene
    Iniziata da victor84 Martedì, 09 Marzo 2021 2 risposte

    Molto difficile dare risposte sulla dermatologia tramite foto, consiglio vivamente la visita dermatologica di persona

    Ultima risposta di Dott. Andrea Militello specialista Urologo/Andrologo Roma il Martedì, 16 Marzo 2021
  • Dr.ssa Agnese Cremaschi
    Emergenza covid!
    Iniziata da Dr.ssa Agnese Cremaschi Venerdì, 20 Novembre 2020 1 Risposta

    Nell'accesso alle dosi saranno comunque privilegiate due categorie: le persone più esposte al rischio Covid (dai sanitari alle forze dell'ordine) e quelle fragili (anziani in primis).

    Chi si vaccinerà contro il Covid riceverà una sorta di patentino. La novità è stata annunciata dal commissario all’emergenza Domenico Arcuri. «Stiamo progettando una piattaforma informatica che consentirà di gestire - ha spiegato Arcuri - la verifica della somministrazione per sapere come si chiamano le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto». Sarà il ministero della Salute a stabilire i dettagli di questo «certificato di vaccinazione». Nell'accesso alle dosi saranno comunque privilegiate due categorie: le persone più esposte al rischio Covid (dai sanitari alle forze dell'ordine) e quelle fragili (anziani in primis).

    Ipotesi obbligo vaccinazione per fasce d’età

    Il tema dell'obbligatorietà non è stato ancora affrontato. Ed è certo che il piano sui vaccini andrà anche in Parlamento. Per il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, però «dovrebbe essere inserita un'obbligatorietà per fasce d'età». Lo schema «dovrebbe ricalcare quello del vaccino antinfluenzale», con una particolare attenzione alle fasce fragili e ai soggetti anziani, i più esposti ai rischi del coronavirus. Per una «protezione di gregge», ha detto scegliendo una definizione diversa rispetto a “immunità di gregge”, è necessario che una ampia fascia della popolazione si vaccini. Per il professor Andrea Crisanti, bisognerebbe superare la soglia del 70% per arrivare a risultati efficaci. Anche alla luce di queste considerazioni, ha ribadito Sileri, «servirebbe un'obbligatorietà legata alle fasce d'età. A mio avviso servirà tutto il 2021 per la vaccinazione».

    Piano vaccinazione da completare entro settembre

    Il primo vaccino sarà quello di Pfizer «con 3,4 milioni di dosi che arriveranno nella seconda metà di gennaio per vaccinare 1,7 milioni di italiani visto che serviranno due dosi» ha assicurato il commissario Arcuri, confermando l'arrivo delle prime dosi di vaccini nelle prossime settimane a cui ne seguiranno molte altre per vaccinare gran parte degli italiani entro settembre. «Ma non conosciamo quanti italiani vorranno farsi il vaccino».

    Al via il bando per le siringhe

    Arcuri ha anche annunciato che partirà lunedì il bando per le siringhe e gli aghi che dovranno essere acquistate per rendere certa la somministrazione per il primo e gli altri vaccini in arrivo. Un acquisto molto corposo per alcune decine di milioni di dispositivi: le tipologie di siringhe sono almeno tre e le misure degli aghi almeno sei. Un bando, questo, che segue quello di altri Paesi come la Spagna, la Francia e la Germania che hanno già ordinato decine di milioni di siringhe di precisione. «Le cercheremo se serve all'estero, ma c'è una industria nazionale che credo si aspetti di poter fare la sua parte anche su questo aspetto», ha concluso Arcuri. Che attende dalle Regioni la lista di ospedali e Rsa da dove si comincerà la vaccinazione a gennaio.

    I vaccini in pista

    Nuove buone notizie arrivano intanto dai laboratori. Il vaccino in sperimentazione dell'università di Oxford, Irbm e Astrazeneca è ben tollerato, soprattutto negli anziani, e induce una protezione immunitaria simile a quella vista nei giovani adulti, come indicano i risultati della fase 2 pubblicati sulla rivista Lancet. Dati che si aggiungono a quelli anticipati da Pzifer e Moderna nei giorni scorsi sull'efficacia dei loro vaccini, che sembrano però provocare in alcune persone effetti collaterali intensi, anche se non pericolosi e di breve durata, ma su cui la rivista Science chiede trasparenza nella comunicazione. Stando ai dati citati da Science sui vaccini a Rna di Pfizer e Moderna, meno del 2% dei volontari ha avuto febbre alta tra 39 e i 40 gradi e con quello di Moderna il 9,7% ha riportato fatica, l'8,9% dolori muscolari, il 5,2% dolori alle articolazioni e il 4,5% mal di testa.

    Ultima risposta di Dr.ssa Agnese Cremaschi il Venerdì, 20 Novembre 2020
  • Dr.ssa Agnese Cremaschi
    Piano vaccinazione Italia: dal patentino alle fasce d’età....cosa accadrà in merito???
    Iniziata da Dr.ssa Agnese Cremaschi Venerdì, 20 Novembre 2020 1 Risposta

    Vaccino Covid, si parte a gennaio tra patentino e ipotesi di ‘obbligo a fasce’ in base all’età. Il piano prende forma, come ha spiegato il commissario Domenico Arcuri.

    “Stiamo disegnando un piano dei vaccini, il primo sarà quello di Pfizer e all’Italia arriveranno 3,4 milioni di dosi nella seconda parte di gennaio, che serviranno a vaccinare 1,7 milioni di italiani perché a ogni persona dovranno essere somministrate due dosi”, ha detto.

    Il prodotto Pfizer richiede condizioni particolari per la conservazione, con temperature di circa -70/-80 gradi. I frigoriferi “ci sono”, ha detto Arcuri. “Martedì scorso abbiamo inviato alle Regioni una lettera in cui chiediamo di indicarci entro domani i luoghi di destinazione, dove si ritiene più proficuo far arrivare i vaccini. La distribuzione la farà direttamente la Pfizer”, ha aggiunto.

    “Sulla base di previsioni non ancora validate una parte importante della popolazione entro il terzo trimestre 2020 sarà vaccinata”, ha detto Arcuri, auspicando che “nel corso del 2021 la somministrazione del vaccino avvenga su larga scala”. Arcuri ha sottolineato in ogni caso che al momento “non sappiamo quanti italiani vorranno fare il vaccino”.

    “Stiamo progettando una piattaforma informatica che consentirà di gestire la verifica della somministrazione per sapere come si chiamano le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto, per seguire la tracciabilità dei beni sul territorio”, ha detto Arcuri, rispondendo a una domanda sull’ipotesi di un patentino. La soluzione “sarà possibile e sarà il ministero della Salute a stabilire le modalità”.

    Si è spinto oltre il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri: “Dovrebbe essere inserita un’obbligatorietà per fasce d’età“, ha detto intervenendo a Piazzapulita. Lo schema “dovrebbe ricalcare quello del vaccino antinfluenzale”, con una particolare attenzione alle fasce fragili e ai soggetti anziani, i più esposti ai rischi del coronavirus.

    Per una “protezione di gregge”, ha detto scegliendo una definizione diversa rispetto a ‘immunità di gregge’, è necessario che una ampia fascia della popolazione si vaccini. Per il professor Andrea Crisanti, bisognerebbe superare la soglia del 70% per arrivare a risultati efficaci. Anche alla luce di queste considerazioni, ha ribadito Sileri, “servirebbe un’obbligatorietà legata alle fasce d’età. A mio avviso servirà tutto il 2021 per la vaccinazione”.

    Ultima risposta di Dr.ssa Agnese Cremaschi il Venerdì, 20 Novembre 2020
  • Dr.ssa Agnese Cremaschi
    Vaccino Astra-Zeneca: “Forte risposta immunitaria negli anziani” I primi risultati della sperimentazione pubblicati dalla rivista Lance sarà davvero così???
    Iniziata da Dr.ssa Agnese Cremaschi Venerdì, 20 Novembre 2020 1 Risposta

    Il vaccino contro il Covid-19 sviluppato dalla società AstraZeneca in collaborazione con l'Università di Oxford produce una “forte risposta immunitaria negli anziani”. È quanto risulta dai dati dei primi studi pubblicati sulla rivista medica The Lancet. I risultati della fase uno e della fase due suggeriscono che uno dei gruppi più a rischio di morte o malattia grave da Covid-19 sia in grado di costruire l’immunità. Circa 560 volontari adulti sani hanno preso parte ai test di fase due, in cui sono state somministrate due dosi del candidato vaccino, o un placebo. Non sono stati segnalati effetti collaterali gravi, si legge nella relazione. “Le risposte immunitarie dei vaccini sono spesso diminuite negli anziani perché il sistema immunitario si deteriora gradualmente con l'età, il che rende anche gli anziani più suscettibili alle infezioni. Di conseguenza, è fondamentale che i vaccini Covid-19 siano testati in questo gruppo che è anche un gruppo prioritario per l'immunizzazione”, ha spiegato l'autore principale dello studio, il professor Andrew Pollard, dell'Università di Oxford, Regno Unito. “Le robuste risposte di anticorpi e cellule T osservate nelle persone anziane nel nostro studio sono incoraggianti. Le popolazioni a maggior rischio di malattia grave da Covid-19 includono persone con problemi di salute pregressi e adulti più anziani. Ci auguriamo che questo significhi che il nostro vaccino aiuterà a proteggere alcune delle persone più vulnerabili della società, ma saranno necessarie ulteriori ricerche prima di poter essere sicuri”, ha spiegato il coautore, il dottor Maheshi Ramasamy, dell'Università di Oxford

    Ultima risposta di Dr.ssa Agnese Cremaschi il Venerdì, 20 Novembre 2020
Visualizza tutte le domande Visualizzando 10 di 23 domande

Tour del sito

Chi è in linea