• Sperelli ha creato un nuovo articolo

    2 giorni fa

    Gli incubi ricorrenti fra gli italiani

    Durante il sonno, il cervello ripete le azioni eseguite e apprese nel corso della giornata, tanto che si ripresentano vivide le immagini più...

    Psicologia
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

    L’amore ai tempi di Covid-19

    Uno studio condotto dalle ricercatrici A. Romeo, A. Benfante e M. Di Tella del gruppo “ReMind the Body” del Dipartimento di Psicologia, coordinato...

    Psicologia
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    3 mesi

  • Riccardo Antinori Psicologia
    4 mesi

    Superare il litio nel trattamento del disturbo bipolare per controllare le fasi intercritiche. Trattare adeguatamente la malattia in fase di mantenimento, una volta superati gli episodi, è indispensabile per prevenire rovinose recidive e garantire al paziente una vita normale. Attualmente, il gold standard della terapia per stabilizzare l'umore è rappresentato dal litio. Ma i dati evidenziano che solo il 30% dei pazienti risponde perfettamente alla terapia; in tutti gli altri casi, si cerca di migliorare i risultati con i cocktail farmacologici (l'associazione tra litio e valproato è molto comune). Un’ipotesi di lavoro interessante emerge dall’ipotesi che nei pazienti bipolari la degradazione del triptofano sia aumentata e che il litio la riduca grazie ai suoi effetti antinfiammatori. Frederike T. Fellendorf e Mirko Manchia - insieme ad altri colleghi del Dipartimento di scienze mediche e salute pubblica dell'Università di Cagliari - hanno confrontato i livelli dei metaboliti del triptofano nel plasma dei pazienti bipolari con quelli dei soggetti sani, per individuare possibili differenze; dopodiché hanno valutato se esistesse una relazione tra la risposta dei pazienti al litio e i livelli delle sostanze summenzionate.

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    4 mesi

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    5 mesi

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    5 mesi

    Sempre più medici vittime di burnout

    Disturbi del sonno, stress, ansia, paura: ad esserne afflitti, dopo la pandemia, sono il 24% dei medici di continuità assistenziale, quasi uno su...

    Psicologia
  • Riccardo Antinori ha creato un nuovo articolo

    7 mesi

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    8 mesi

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    8 mesi

    San Valentino, meglio non strafare

    Ci risiamo e come ogni anno il 14 febbraio in tutto il mondo si celebra la festa degli innamorati. C’è chi ha programmato proprio per oggi, il...

    Psicologia
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    8 mesi

    Il doomscrolling sul telefono genera ansia

    Si chiama ‘doomscrolling‘ ed è la tendenza a navigare online e sui social alla ricerca ossessiva di notizie negative. In inglese, infatti, la parola...

    Psicologia
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    9 mesi

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    12 mesi

    Un po’ stressati si invecchia meglio

    “Moderate dosi di stress di varia natura, alternate e ritmiche, esercitano effetti benefici sull’organismo attraverso l’attivazione di catene...

    Psicologia
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    1 anno

    Il cinema fa bene alla mente e al corpo

    Get Lost: perdersi nell’esperienza di un film al cinema e ritrovarsi migliorati nello spirito e nel corpo. Viaggiare lontano con la mente e con la...

    Psicologia
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

    Green pass come discriminante sociale?

    Il green pass è entrato a far parte del nostro quotidiano. Ne abbiamo bisogno per andare nei ristoranti al chiuso, al cinema, ai musei, per...

    Psicologia
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    1 anno

  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    1 anno

    Un amico vero fa bene alla salute

    “Chi trova un amico trova un tesoro” è il proverbio più conosciuto quando si parla di amicizia e, in generale, di affinità elettive. In occasione...

    Psicologia
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

    Dormire poco fa diventare maleducati

    Risposte scortesi alle mail o agli sms. Questa la conseguenza per chi dorme poco o male la notte, secondo una ricerca della West Texas A&M...

    Psicologia
  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

    I sogni del lockdown

    La pandemia da nuovo coronavirus ha influito in maniera determinante sull’attività onirica degli italiani. Oltre a risvegli più frequenti e a una...

    Psicologia
  • Raffaella Vellani ha creato un nuovo articolo

    1 anno

  • Sperelli ha creato un nuovo articolo

    1 anno

 In questo gruppo parliamo dei problemi riguardanti la sfera della psiche. Qui potrai inserire le tue domande,
chiarire i tuoi dubbi,leggere gli articoli

degli specialisti, contattare i medici,segnalare le strutture sanitarie specializzate,

commentare i messaggi degli utenti,

mettere 'mi piace', raccontare la tua esperienza personale e scambiare informazioni con persone che condividono la tua stessa malattia.

La psicologia è la scienza che studia il comportamento degli individui e i loro processi mentali. Tale studio riguarda le dinamiche interne dell'individuo, i rapporti che intercorrono tra quest'ultimo e l'ambiente, il comportamento umano ed i processi mentali che intercorrono tra gli stimoli sensoriali e le relative risposte.Attualmente la psicologia è una disciplina composita, i cui metodi di ricerca vanno da quelli strettamente sperimentali (di laboratorio o sul campo) a quelli più etnograficamente orientati (ad esempio: alcuni approcci della psicologia culturale); da una dimensione strettamente individuale (ad esempio: studi di psicofisica, psicoterapia individuale, etc.), a metodi con una maggiore attenzione all'aspetto sociale e di gruppo (ad esempio: lo studio delle dinamiche psicologiche nelle organizzazioni, la psicologia del lavoro che impiega i cosiddetti "gruppi focali", etc.)

Categoria
Psicologia
Creato
Giovedì, 25 Ottobre 2012
Amministratori Gruppo
Federica Peci, Riscoprire la propria salute, Dott. Federico Diano (Psicologo), Dott. Carmine Filice Odontoiatra, Psichiatra e Psicoterapeuta della famiglia, SerenaGrimaldi, Dott. Leopoldo Vitagliano Psicologo e Psicoterapeuta, dott.ssa Anna Zanon (Psicologia), Dott.ssa Maria Cristina Passanante (Psicologa Giuridica), Dott. Vittorio Catalano (psicologo clinico) , MariaRita, Dott.ssa Paola Uriati (psicologa), Serena Polverini
Visualizzando 100 di 286 Articoli
Visualizza tutti gli articoli Visualizzando 100 di 286 Articoli
  • Aureliano92
    La mia esperienza
    Iniziata da Aureliano92 Domenica, 01 Novembre 2020 0 risposte
  • Elsa86
    Come poter stare a fianco ad una persona "così"?
    Iniziata da Elsa86 Martedì, 04 Settembre 2018 2 risposte

    Salve. ...dopo aver letto questa storia molto difficile e commovente ...le posso consigliare di riflettere e con l'aiuto di una brava psicologa intraprendere cammino -percorso x cercare di aiutarlo in modo che esca da questo tunnel vizioso. Buona fortuna

    Ultima risposta di Dott.ssa Camodeca Maria Carla (Mesoterapia) il Giovedì, 06 Settembre 2018
  • Isoletta
    Temere le proprie potenzialità
    Iniziata da Isoletta Mercoledì, 28 Febbraio 2018 2 risposte

    Voglio rispondere a Laura, non so se sto postando giusto.... comunque....
    Intanto grazie, Laura, per la risposta che non mi aspettavo. Io sono una "vecchietta", una cinquantenne e lavoro in una importante azienda privata. Dodici anni fa ha subito un pesante demansionamento, cosa che è durata dieci anni, trascorsi nell'alienazione totale in ufficio (della serie passare la giornata a guardare il muro) mentre prima ero una responsabile di reparto. In questi dieci anni l'azienda mi ha risarcito in tribunale per ben tre volte, ma solo da poco ha deciso di rimettermi in una posizione se non uguale, almeno decente. Ora sto meglio, ma non amo più il mio lavoro.
    Come ti ho detto mi sento sicura solo a casa mia e non accetto mai gli inviti degli amici ad uscire, se mi vengono a trovare allora mi fa piacere. Ho solo un progetto nella mia vita, una casa che si trova in un paese di mare, un po' sperduta, dove spero di trasferirmi al più presto possibile.
    Grazie tantissimo della tua risposta, spero che le notifiche mi arrivino un po' prima!!

    Ultima risposta di Isoletta il Martedì, 04 Settembre 2018
  • dada789
    Mia madre, severa e saccente, è un problema per me
    Iniziata da dada789 Venerdì, 19 Gennaio 2018 3 risposte

    Che senso avrebbe scappare glela daresti solo vinta, pultroppo ti devo svelare questo segreto tua madre da come hai capito da sola non è perfetta come non lo è nessuno a questo mondo, non giudicarla solo su questo aspetto e renditi migliore di lei dimostrando il tuo amore nonostante le avversioni e le problematiche,le tue amiche non sono le tue spose non ci dovrai passare il resto della vita vedila piuttosto come un opportunità per passare del tempo in compagnia uscire e magari conoscere gente migliore di loro e più affini a te senza aspettarti chissà che da loro. La scuola pultroppo ci siamo passati tutti e al 99% delle persone ha fatto schifo pultroppo è così anch'io ci ho sofferto molto finché non ho capito cosa mi piaceva veramente nella vita ho avuto molte passioni e interessi forse proprio grazie al fatto che odiavo la scuola quindi non potevo svegliarmi la mattina e dire:"ma ci sta solo quello schifo di scuola da fare oggi" e quindi ho cercato qualcosa da amare qualcosa che mi realizzasse,e quando trovi qualcosa che ti piace vedrai che ti verrà anche bene farla e quando sarai soddisfatta per essere brava in qualcosa ti alzerei dicendo:"ok ci sta quello schifo di scuola ma almeno poi torno a casa e posso.." e soprattutto potrai dire a chi ti dice: "guarda stai andando male in matematica" "lo so ma almeno io sono brava in questo,e questo realizzera la mia vita e mi renderà felice" ti lascio con la famosa frase di Steve Jobs agli studenti di Stanford "Stay hungry. Stay foolish" e con le parole di Galimberti prese dai greci che invita a ricercare la popria vera natura,il proprio vero talento,il poprio "dáimōn" "demone'

    Ultima risposta di Raffaella Vellani il Mercoledì, 31 Gennaio 2018
  • Dott.ssa Luana Buono (psicologa)
    Rimosso
    Iniziata da Dott.ssa Luana Buono (psicologa) Domenica, 31 Dicembre 2017 4 risposte

    Rimosso

    Ultima risposta di Dott.ssa Luana Buono (psicologa) il Lunedì, 22 Gennaio 2018
  • Alexarzano
    Ansia stress depressione
    Iniziata da Alexarzano Giovedì, 09 Novembre 2017 11 risposte

    Rimosso

    Ultima risposta di dott.ssa daniela sambucini il Martedì, 28 Novembre 2017
  • Dott.ssa Laura Pacelli
    Rapporto psicologo paziente: la dipendenza è un rischio?
    Iniziata da Dott.ssa Laura Pacelli Giovedì, 22 Ottobre 2015 1 Risposta

    Buongiorno Dott.ssa Pacelli,
    a mio modesto avviso, la dipendenza dalla figura del terapeuta è un aspetto molto 'pesante' nella terapia in quanto il paziente in questo modo anziché trovar una via d'uscita in se stesso trova un sollievo, una risoluzione dei propri problemi in qualcosa di esterno. In questo caso, la dipendenza dal terapeuta potrebbe assomigliare molto a quella che si può avere nei confronti di un farmaco...

    Ultima risposta di Debora3 il Venerdì, 30 Ottobre 2015
  • Lulu
    Guarire da una fobia
    Iniziata da Lulu Mercoledì, 23 Settembre 2015 5 risposte

    ..."Quindi penso che la chiave sia più che altro quella relativa al non poter dare una spiegazione alla trasformazione (anche se poi in realtà dal punto di vista fisico tutto ha una spiegazione)"....e forse, aggiungo, a qualcosa che lei non può controllare, o evitare, impedire, come gli alimenti, che deperiscono, muoiono. Lei può superare questo problema affrontandolo con la Psicoterapia, affidandosi a un/a terapeuta di sua fiducia.

    Ultima risposta di dott.ssa Maria Pia Dibari (Psicologa - Psicoterapeuta - Psicodiagnosta) il Giovedì, 08 Ottobre 2015
  • yuriy2
    Infiammazione della testa
    Iniziata da yuriy2 Giovedì, 20 Agosto 2015 2 risposte

    Egregio Yuriy, solitamente è il neurologo che valuta la tipologia di mal di testa e anche la cura. Eventualmente determinati terapeuti comportamentale sono in grado, desiderandolo, di lenire la sensazione dolorosa con interventi mirati non farmacologici. Comunque la diagnosi è necessaria

    Ultima risposta di Dott. Paolo Zucconi (sessuologo. psicoterapeuta comportamentale) il Venerdì, 04 Settembre 2015
  • Raffaella Vellani
    Terapia di gruppo e segreto professionale
    Iniziata da Raffaella Vellani Martedì, 19 Maggio 2015 3 risposte

    Grazie per le risposte.
    Dott Zucconi, infatti il problema che si è creato successivamente riguarda proprio la fiducia nel terapeuta.
    Dott Vitagliano, la psicoterapeuta non si è mai preoccupata di informare i componenti del gruppo sulle regole riguardanti la risevatezza.
    Il problema poi è anche un altro: ho saputo che si è parlato dei miei problemi da una persona presente al gruppo che però non vuole essere coinvolta in eventuali discussioni.Come fare? Grazie!

    Ultima risposta di Raffaella Vellani il Venerdì, 22 Maggio 2015
Visualizza tutte le domande Visualizzando 10 di 45 domande

Tour del sito

Post dai gruppi

Chi è in linea