cover photo

Paola 82

Invia messaggio
Aggiungi amico
Paola 82

Info

Privacy

Utente da
Lunedì, 26 Agosto 2019 17:33
Ultimo accesso effettuato il
7 mesi
  • Riccardo Antinori ha stretto amicizia con Paola 82
  • Paola 82
    8 mesi

    Buongiorno, la figlia del mio compagno è stata con noi durante le vacanze.. La ragazzina ha quasi 13 anni già sviluppata e tutto il resto.. Gli voglio bene ma stare con lei sta diventando un impegno enorme.. Si comporta come una bambina di 5 aggressiva risponde male al padre urla e batte i piedi mettendo il broncio fino a che non ottiene quello che vuole.. Capisco che è gelosa che la separazione è stata difficile ma non riusciamo più a controllare i suoi scatti e le sue risposte pungenti.. In casa non fa niente vuole essere servita su tutto deve fare sempre tutto prima lei.. Esempio la doccia altrimenti si arrabbia.. E comanda tutto e tutti e costringe i miei figli a farli da servi soprattutto la più piccola che ha 7 anni... Non voglio più questa situazione in casa voglio che lei stia bene e che tutti nei limiti ovvio riescano a vivere serenamente.. Cosa posso fare? Il padre fa tutto quello che lei ordina perché ha paura che lei non venga più da noi oppure urla come un matto ma poi l accontenta alla fine

    Dr.ssa Daniela La Porta (psicologa) Buonasera, ho letto attentamente la situazione che descrive e concordo sul fatto che la criticità legata al comportamento della figlia del suo compagno potrebbe essere collegata alle difficoltà conseguenti alla separazione del suo compagno con la mamma della ragazza. Tuttavia non possiamo dirlo con certezza. Ciò che certamente possiamo dire è che la persona che in questo momento ha il potere-dovere di far qualcosa per la ragazza è suo padre, ovvero il suo compagno (il quale dovrà fare i conti anche con la madre della ragazza, ma questa è cosa sua e lei ne deve restare fuori onde evitare peggiori problemi) Consentire alla ragazza di comportarsi nel modo che lei descrive si sta dimostrando distruttivo e pericoloso. Per quanto difficile possa essere il compito di CONTENERE la ragazza è un compito essenziale che spetta decisamente al padre: cedendo su tutto come sta facendo sta in primis danneggiando la figlia che sta chiedendo contenimento della tanta aggressività che sta provando, inoltre sta piano piano impedendo i vostri rapporti e quelli della vostra famiglia ‘allargata’ . Detto questo e chiarita la responsabilità primaria del suo compagno (che potrebbe a mio avviso trarre giovamento dalla richiesta di un sostegno genitoriale) credo che il discorso in questi termini vada ben chiarito fra lei ed il suo compagno esplicitando il fatto che non affrontare la situazione della ragazza e del suo rabbioso, ostile e dittatoriale comportamento verso i suoi figli finirà con il rovinare i vostri rapporti e rendere impossibili rapporti all’interno della vostra famiglia ‘allargata’ . Le suggerisco di affrontare apertamente la questione con il suo compagno cercando di mettere bene a fuoco il fatto che o lui intraprende un tipo di comportamento contenitivo e più rigoroso con la figlia oppure ne risultera danneggiata la ragazza stessa e tutto il contesto relazionale è familiare che vorreste costruire. Se desidera ulteriori confronti sono a disposizione. Cordialmente Dott.ssa Daniela La Porta
    7 mesi

Gruppi

Non è entrato in nessun gruppo.

Tour del sito

Chi è in linea